FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Corsica 2013
Vai a 1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Reportage fotografici

robferri Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 17:52
Messaggi: 1659
Luogo di residenza: Reggio Emilia

MessaggioInviato: Ven Apr 05, 2013 17:29    Oggetto: Corsica 2013
 
mer 27.3.2013:
Utilizziamo la possibilità di dormire in traghetto (Corsica Ferries) la sera prima per evitare un viaggio antelucano visto che si parte alle 8.30: ottima scelta.
La sera a cena a Livorno mangiamo il caciucco al ristorante "Sottomarino": ottimo.

giov 28.3.2013:
Viaggio, arrivo a Corte. Ricerca spasmodica delle tre cartine che troviamo tutte e 3, ma in 3 posti diversi (le hanno in libreria, tabaccheria, ecc)!
Alloggiamo all' Hotel Les Jardin de la Glaciere all'inizio della Restonica a 5 minuti da Corte
Dopo facciamo un po' di strada per percorrere tutta la Valle del Golo, passare da Calacuccia e visita all'albergo Acqua Viva, poi salire a Lozzi e vedere kla partenza a piedi per il Cinto da sud . La sera ritorno a Corte

ven 29.3.2013:
è previsto peggioramento per il pomeriggio.
per cui decidiamo di andare verso il Rotondo dalla stradina poco dopo il Ponte de Timozzo partenza a quota 1030.
Si spalleggia quasi un'ora e poi la neve appare abbondante a quota 1400 dove ci fermiamo a mettere gli sci: notare la consistenza del manto nevoso:

(questa foto me la censuraaaa Laughing )
A 1500 si tolgono gli sci per un pezzo di 5-10minuti poi si risale per il crestone in direzione sud, in alto piegando a sinistra. Passiamo due balzi ed entriamo nel piano del Lavu de l'Oriente a 2060. Ci raggiunge la nebbia. C'è un forte e freddo vento da ovest. Ritorniamo indietro. La neve trasformata e portante ci fa fare una bella sciata con vista sulla Restonica. Bello! Altra spalleggiata di quasi un'ora e siamo alla macchina. Solo noi due tutto il giorno: bello!

https://picasaweb.google.com/robbeferri/218CorsicaVersoIlRotondo?authkey=Gv1sRgCM2fxImL3__BRA#

All'auto si ferma un signore locale a parlarci: è Fabrice parla un ottimo italiano sta scrivendo con i suo amici una guida scialpinistica sulla Corsica. Gli do la mia mail, aspetto che mi scrica. Se ho capito bene scrive su questo sito:
esatto! la foto di questa valanga me l'ha fatta vedere sulla sua macchina fotografica:

Nel pomeriggio il meteo tarda a peggiorare e c'è un po' di sole qui in basso.

sab 30.3.2013:
brutto tempo e freddo. Prendiamo il trenino a scartamento ridotto per Ajaccio. Va lento lento anche se il locomotore è nuovo e panoramico. Quando passiamo la cresta "di confine" entriamo nella nebbia e non vediamo più niente di bello, altrimenti si vedevano dei paesaggi interessanti. Ajaccio è così così.
La sera su consiglio di Fabrice andiamo a dormire in località Ancienne station de ski du Haute Asco a 1420 in fondo alla valle dell'Asco. Vogliamo provare il Cinto da nord per evitare il lungo avvicinamento che servirebbe da Lozzi sopra Calacuccia nella Val di Golo (Cinto da sud).
Albergo triste con albergatore poco simpatico, cena e colazione deprimente:
Speriamo nel buon tempo previsto per l'indomani.

dom 31.3.2013:
la mattina è brutto nevica a graupel. Volto gallone nel letto.
Alla fine ce ne andiamo a valle. Il tempo migliora cìè un vento da ovest molto forte e fresco. Andiamo verso il mare a fare un giro nel deserto degli Agriates: perchè non proviamo a salire sul Monte Genova (500 slm circa)?


Ma la macchia mediterranea non ci fa passare. Si va a finire la giornata e a dormire a Saint Florent. Lungomare. Barche a vela, motoschifi, tavolini di bar e donne col tacchettino in uscita pasqual-pomeridiana incerte sul selciato. Ma non siamo venuti qui per questo! Tira e molla. Il meteo domani è bello, ma in rapido peggioramento dalla tarda mattinata. Fankiulo ai villeggianti, ritorniamo in montagna, stavolta percorriamo tutta la Val di Golo per andare a dormire a Calacuccia all'Hotel Acqua Viava e provare Punta Artica l'indomani. Sarà quel che sarà!
L'albergo non è bellissimo, ma la signora è simpatica e parla italiano bene. Ci consiglia di cenare al ristorante Arinella (non so se è scritto esattamente così) 2-3 km prima di Calacuccia. Ottima scelta per qualità e prezzo e poi è bello vedere i Corsi andare a cena fuori e salutarsi accostandosi la faccia guanci a guancia. Saint Florent: tièèèèè!!!

lun 1.4.2013:
la mattina è bel tempo! risaliamo la strada fino a quota 1076 a Poppaghia. Da li spalleggio per circa un'ora fin quasi alla Bergerie de Colga. a Circa 1400 mettiamo gli sci e saliamo sulla sinistra (per la destra orografica). Sarebbe stato meglio dall'altra parte. Il tempo è ormai diventato grigio, ma siamo in solitudine e l'ambiente diverso ci piace molto. Sottile crosta di neve ghiacciata che cede sotto gli utili rampant. A forza di piegare a sinistra a 1850 scavalliamo alti sopra Bocca a Stazzona. Speeeettaaaaaaaacoooolooooooo !! E' l'alta valle dove nasce il Tavignanu. C'è il Lac de de Nino sotto la neve. Si apre un'ampia vallata, ampi pendii. Solo noi!! Che solituuuuuuuuuudineeeeeeeeeeee!!!!! Risaliamo traversando sotto Cap a Curia e raggiungiamo la cima quotata 2133. Che si fa? La nebbioa sta calando. Punta Artica non è lontana, ma è nella nebbia. Vi ale pelli e scendiamo sulla sella verso Punta Artica a quota 2091 e dal poi decidiamo di rinuniciare e continuare una discesa su neve liscia e appena trasformata. Che bellezza! Dopo un po' siamo nella piana e costeggiamo i meandri del Tavignanu effluente del Lac de Nino. Ci saranno 1-2 metri di neve siamo a quota 1750 circa. Nevica. Siamo soli. Che bellezza! Risaliamo impercettibilmente alla sinistra Bocca a Stazzona appena in tempo in fuga dalla nebbia. Li inizia una discesa favolosa su neve trasformata, ma soprattutto su lingue di neve polverosa riportata dal vento e compattata!!! Un urlo continuo. Breve ma intenso!! Come altre cose per intenderci!! Stavolta rimaniamo sulla sinistra orografica e riusciamo ad arrivare a circa 1400 senza togliere gli. Da li spalleggio sotto la pioggia. Arrivo all'auto fradici ma felici: che giornata e che Corsica!!!!
E pensare che ieri stavamo per rimanere al mare tra i turisti.
Corsica ritorneremo!!
Capu a Tozzu visto dalla cresta di salita verso Punta Artica.
https://picasaweb.google.com/robbeferri/219CorsicaVersoPuntaArtica?authkey=Gv1sRgCMeC36Tfv5uh9wE#

La sera andiamo a Bastia notte al Best Western Hotel.
La sera cena al Porto Vecchio con ostriche e ricci di mare, piove piove piove, ma siamo felici!!!!

Un saluto agli scialpiniti marchigiani / umbri incontrati venerdì in Restonica e poi sul traghetto del ritorno
Forza Citanò! (anche oggi).

Torneremo (l'ho già detto?)
rf
_________________
...


L'ultima modifica di robferri il Ven Apr 05, 2013 17:47, modificato 5 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Ruthi Rispondi citando



Registrato: 02/03/12 10:57
Messaggi: 1512
Luogo di residenza: Terlano BZ

MessaggioInviato: Ven Apr 05, 2013 17:39    Oggetto:
 
In Corsica siamo stati 2 volte però in estate. Alcuni luoghi che hai nominato me le ricordo bene, le foto non le ho ancora guardato ma credo che la Corsica deve essere affascinante anche d'inverno - come hai detto: Corsica ritorneremo!! Bravi ad esplorare il mondo Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

clark Rispondi citando



Registrato: 22/12/07 10:26
Messaggi: 1855
Luogo di residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Sab Apr 06, 2013 10:01    Oggetto:
 
Gran bel report! Peccato per il meteo un po' bizzarro ma siete riusciti lo stesso a vedere molti aspetti di quest'isola. Molto interessanti queste montagne in mezzo al mare. Surprised
_________________
le cose semplici sono le più belle
Top
Profilo Invia messaggio privato

robferri Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 17:52
Messaggi: 1659
Luogo di residenza: Reggio Emilia

MessaggioInviato: Ven Nov 14, 2014 16:38    Oggetto:
 
14.11.14
Pubblico qui una risposta pensando che possa essere utile a tutti.

Ciao, aggiungo ed integro delle cose, qualcosa risulterà un doppio.
In realtà mi ero dimenticato di aver scritto questo topic e così oggi ho riscritto tutta la storia da capo, ma non ho voglia di unire il tutto.
Magari adesso faccio in modo di aggiungerlo all'indice dei fotoreport così non va nel dimenticatoio.

29-mar-13 Ven ---- Corsica verso Monte Rotondu

1-apr-13 Lun --- Corsica verso Punta Artica

Eravamo vincolati alle vacanze di Pasqua per cui il periodo era un po' avanzato, inizio neve a circa 1400 nelle due gite fatte circa un'ora di spalleggio, però solitudine assoluta, un incanto!
Abbiamo dormito nella zona di Corte. Nella cittadina ci sono diverse librerie / edicole dove poter acquistare le cartine.
Fatto solo due salite a causa del meteo, il resto lo abbiamo passato andando con il treno da Corte ad Ajaccio e facendo un giro a piedi nel deserto degli Agriates. Ad un certo punto della vacanza a causa del meteo così così ci siamo ritrovati in banchina a Saint Florent a guardare le barche a vela, stavamo cercando un albergo per dormire in quel paese. C'era il sole, ma le previsioni mettevano peggioramento. E' sorta la domanda fatidica: che facciamo noi qui? Già. E allora via verso le montagne in fuga dai turisti pasquali. Lunga macchinata, notte all'Acqua Viva a Calacuccia e il giorno dopo salita verso Punta Artica, una delle uscite emozionali più belle della mia vita scialpinistica Smile))

ALBERGHI (5 notti totali)
- 2 notti appena fuori Corte all'inizio della gola della Restonica nell'hotel Giardino del ghiacciaio
Hotel che sembra quasi di lusso, stavano facendo dei lavori di manutenzione, avranno finito.
A Corte c'è anche un ostello o gite d'etape U Tavignanu ma niente sito nè e mail, boh!
Ho visto che hanno anche fb, le foto pubbliche non sono esaltanti (non ho fb).
C'erano stati degli amici della Focolaccia di Lucca prima di noi e mi sembra di ricordare che si erano trovati bene. Mi sa che l'anno scorso erano chiusi quando volevamo andare noi.

- 1 notte al Refuge Asco-Stagnu alla fine della valle dell'Asco.
Il sito internet non funziona.
Volevamo fare il Cinto da nord, ma causa meteo abbiamo rinunciato. E' una vecchia stazione di sci: una tristezza e squallore assoluta e anche l'albergo non scherza.
Però ritorneremo per fare il Cinto da quel versante, chissà.

- 1 notte all'Albergo Acqua Viva a Calacuccia.
E' nella valle del Golo che sta in mezzo tra l'Asco a N e la Restonica a S. Da qui si fa il Cinto da sud, ma c'era troppa poca neve e abbiamo fatto un piccolo capolavoro di gita che è stata quasi Punta Artica in completa solitudine (che brividi!).
L'albergo è modesto, ma dignitoso, come si suol dire, la sciura è simpatica per cui è il posto di cui siamo rimasti più contenti. E' un posto da scialpinisti, lo avrai già sentito citato su internet, è sicuramente consigliabile.

La sera ritornando un po' più a valle (esattamente a 4 km dall'Albergo Acqua Viva sulla sinistra scendendo ) abbiamo mangiato molto bene nella Pizzeria L'Arinella che uno salendo noterà sulla destra.


- 1 notte a Bastia al Best Western
bello, moderno, comodo con il suo parcheggio privato adiacente all'ingresso (occhio che è sul retro e si accede da un passaggio condominiale)


TRAGHETTO
Non so se esiste ancora il servizio ma con Moby/Sardinia con un non grande sovrapprezzo noi abbiamo dormito la sera prima sul traghetto della mattina presto da Livorno e a cena siamo andati a mangiare il caciucco a Il Sottomarino (Via Terrazzini 46 Livorno nessun sito internet). Il proprietario è stato gentile e a nostra richiesta di dove poter parcheggiare per la cena, ci ha detto di chiamarlo non appena arrivati che ci trovava lui un posto e così è stato. Ottima mangiata di Caciucco (è un brodetto di pesce).
Perchè abbiamo preso il traghetto la notte prima s potevamo fare il viaggio in giornata prendendo un traghetto che parte a metà giornata??
Forse perché dovevamo mangiare il caciucco e perché non avevamo le cartine (le avevamo ordinate alla Vel di Sondrio per tempo, ma c'erano stati dei disguidi e non le avevamo).


NOSTALGIA

Riscrivendo della Corsica 2013 mi hai fatto venire voglia di tornarci!
Pasqua, maledizione è sempre solo Pasqua che possiamo andare, è il 5.4.15 e ovviamente è molto tardi. Boh!
La Corsica mi è piaciuta di più della Norvegia (Lofoten) 2011.
_________________
...


L'ultima modifica di robferri il Ven Nov 14, 2014 16:53, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

robferri Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 17:52
Messaggi: 1659
Luogo di residenza: Reggio Emilia

MessaggioInviato: Ven Nov 14, 2014 16:47    Oggetto:
 
Ultima strega, va bene così il codice?
(per leggerlo in chiaro basta che mi quoti)


Corsica : Corsica 2013 - Robferri
_________________
...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Giuli Rispondi citando



Registrato: 30/03/05 17:41
Messaggi: 91
Luogo di residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Sab Nov 15, 2014 0:29    Oggetto:
 
Robferri, ti ringrazio di tutto, per tutte le info che mi hai inviato.
Io ci sono stata nel 2009 e ho un ricordo STUPENDO... negli anni seguenti sono stata x 4 anni in Norvegia in varie regioni e devo dire che la Corsica mi ha colpito molto di più e quest'anno ho buttato l'idea ad amici di ritornarci magari salire altre cime non salite. Comunque al rientro vi racconterò Wink
_________________
Nel cuore delle montagne d'argento, protese verso il blù, c'era il silenzio e una bianchezza da volgere alla pazzia...
erano lì immacolate pronte per essere ricamate.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

robferri Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 17:52
Messaggi: 1659
Luogo di residenza: Reggio Emilia

MessaggioInviato: Sab Nov 15, 2014 20:02    Oggetto:
 
Giuli ha scritto:
Comunque al rientro vi racconterò Wink

Molto volentieri!
_________________
...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Ruthi Rispondi citando



Registrato: 02/03/12 10:57
Messaggi: 1512
Luogo di residenza: Terlano BZ

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 17:48    Oggetto: Corsica 6.-11.3.2015
 
Corsica 6.-11.3.2015 - con Paola Favero, Stefania Feletti e Luisa Marchiori

".... donne in cerca di guai, su per le cime dove non si sa mai!"

2 settimane fa mi chiama una certa Paola – che non conosco.
Lei dice di essere amica di Luisa – che non conosco (pensavo a un’altra Luisa).
Stanno pensando di organizzare un viaggio scialpinistico in Corsica e mi chiede se voglio venire anch’io.

Non conosco queste 2 donne, ma la Corsica SI la conosco – da 2 visite in estate alcuni anni fa, e SI mi interessa un viaggio scialpinistico in Corsica!!!!


Durante la gita ‘’Zoldana’’ del 28 febbraio scopro che la Luisa che non conosco invece è Luisa-VE che conosco e tra i tanti partecipanti di questa gita “Zoldana” c’è anche Paola Favero (Pulsatilla).
Anche Stefania/Suffi, sempre partecipante della gita Zoldana, è interessata per il viaggio.

Nei prossimi giorni seguono alcune telefonate, mails, sms, consultazioni previsioni meteo che sembrano abbastanza buone – e si fa!

Giovedì 5 marzo la sera, dopo il lavoro, vado a Pove del Grappa da Paola; insieme raggiungiamo Luisa a Mestre per “dormire”.

Sveglia alle 3 del mattino (peggio che per una gita scialpinistica primaverile Rolling Eyes), arriva Stefania e via per Livorno a prendere il traghetto alle 8.15.
Poco dopo mezzogiorno sbarchiamo a Bastia e raggiungiamo Corte dopo ca. un’ora di viaggio, dove Luisa ha prenotato un appartamentino come “campo base” per le nostre escursioni.

Sabato, 7 marzo:

Stefania, Luisa e Paola hanno stampato parecchie relazioni.
Siamo un po’ indecise sul dove andare e alla fine scegliamo Punta Artica, che ci sembra la più "semplice’’….

Ancora non sappiamo quanto lungo sarà questa giornata bella ma ventosa con raffiche fortissime!

Il report qui.

1. 2. 3.

1. zoomata su Punta Artica e la nostra “cima”
Visto che va di moda dare dei nomi strani abbiamo inventato quello della nostra meta: Col d’le 4 sorcières
2. Non si può non fotografarlo questo albero stupendo!
3. Il cerchio rosso indica il nostro punto di partenza/parcheggio Shocked

4.5.

4. La nostra cimetta con vista mare
5. Paesaggi sempre stupendi


Dopo questa „scarpinata“ dove torniamo alla macchina col buio che sono le 19.30, (dobbiamo ringraziare una buona anima che ci ha dato un passaggio per raggiungere il parcheggio, se no caminavamo per un’altra ora abbondante) è chiaro che domani si deve fare una gita più tranquilla!

Abbiamo urgentemente bisogno di recupero e non vogliamo alzarci presto, credo ben: con 2 giornate pesanti di seguito (quella del viaggio e la meeegagita odierna con uno svilupo complessivo di 20 km, di cui abbiamo fatto più di 8 km a piedi) Shocked Rolling Eyes

Altre foto qui:
Punta Artica:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.345706268960092.1073741914.100005621645301&type=1&l=c501e97969

Noi abbiamo seguito la descrizione dell'itinerario dei Venostani:

http://www.seilschaft.it/corsica-scialpinismo.htm#Punta Artica

Non avendo però la seconda macchina da mettere al parcheggio Popaghia ci siamo fatti più di 5 km sulla strada asfaltata - in tutto sarebbero quasi 10 km!; poi per fortuna qualcuno ci ha dato un passaggio fino alla nostra macchina.

Per chi volesse andare a fare la Punta Artica consiglio di fare
- il giro di Robferri (riporto qui sotto la sua foto col suo percorso segnato in viola/blu/rosso) partendo e tornando dal parcheggio Popaghia
- in alternativa dal parcheggio Popaghia andare avanti con la macchina per poco fino a una curva a gomito quota 1.100 ca. dove parte un sentiero per la Bocca San Petru (segnato in rosa sulla foto) e proseguire per il percorso nostro (giallo/verde che si ferma prima della Punta Artica) - che era molto bello e panoramico.

.

Domenica, 8 marzo/festa della donna:

Consultando le varie guide/report troviamo la proposta del Monte Renoso; ca 700 m disl. – si parte e si torna sci a piedi – non troppo difficile.

Questa va bene per oggi:

Il report qui.

6.7.8.

6. Il monte Renoso – ancora lontano
7. Salita facile/semplice con panorama mozzafiato
8. W le donne!


9. 10. 11.

9. Vista verso nord
10. Curvare su neve dura – niente firn – troppo vento/troppo freddo Sad
11. I festeggiamenti proseguono anche a casa

Monte Renoso:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.345709532293099.1073741915.100005621645301&type=1&l=ec2a9983f7


Lunedì 9 marzo:

Il report qui.

Monte Cinto
– la montagna più alta della Corsica – "très difficile’’ sta scritto nella guida. Confused

Lunghissimo avvicinamento (se si sale da Sud come voremmo noi), che è possible accorciare solo se si dispone di un fuoristrada.

Mentre la cima invernale – Punta Ebolìs – si raggiunge senza grandi problemi con gli sci e sarebbe alla portata di noi tutte, per arrivare in cima al Cinto ci sono da superare notevoli difficoltà alpinistiche.



Rosso salita / verde discesa per il colouir Furca - fotografato dal Col d’le 4 Sorcières


Dopo tante discussioni fra di noi, dove si parla del “fidarsi” o meno della compagna più forte, che è Paola; lei ha una notevole esperienza alpinistica, è abituata a cercarsi i suoi percorsi anche in ambiente sconosciuto/difficile, ha un grande coraggio e taaanta voglia di conquistare questa cima; si parla delle paure delle difficoltà che si troveranno (qui si tratta soprattutto delle mie paure…Embarassed Embarassed), della possibile rinuncia alla “cima” e un eventuale accontentarsi della cima invernale… alla fine troviamo la soluzione che sembra soddisfare tutte le nostre esigenze:

Per andare al Monte Cinto ci concediamo il lusso di farci accompagnare da Guilliome “Ghi”, che oltre ad essere guida alpina, essere molto simpatico e un bel uomo "croccante’’ Cool Laughing è un ottimo guidatore del suo fuoristrada Pick-up che ci porterà in alto il più possibile!!



Il viaggio da Calacuccia fino a quota 1300 m ca. sarà la parte più impressionante di tutta la giornata: a volte sembrava necessario prendere le pastiglie contro il mal di mare tanto forti erano i movimenti del macchinone a superare i tratti brutti di questa strada che assomigliava più a un torrente secco con canaloni e sassi enormi in mezzo. Shocked


12.13.

12. Mettiamo gli sci a quota 1500 m ca – dopo averli portati per quasi mezz’ora. Il monte Cinto è la punta più alta un po’ a sinistra della Stefania

13. Si intravede la valle che saliremo.


Arrivati in cresta della Punta Ebolìs (cima invernale del Monte Cinto) comincia la parte alpinistica per raggiungere la vera cima.

Bisogna scendere e attraversare per pochi metri sul lato Nord, risalire in cresta e scendere di nuovo sul lato Sud per un totale di ca. 80/100 m disl., poi attraversare in direzione Est e risalire in cima (su pendenze attorno ai 40°)

14. 15.16.17.18.

14. “Ghi” ci protegge e ci da sicurezza
15. Luisa risale in cresta
16. Discesa sul lato Sud
17. Lungo traverso – per me, che odio i traversi e (non riesco a capire il perchè) che mi fanno paura da morire, la parte più impegnativa di tutta la giornata Embarassed
18. Finalmente si ricomincia a risalire

19. 20. 21.22.

19.” 4 Donne… in cerca di guai, su per le cime dove non si sa mai!”
La nostra canzone di questi giorni e specialmente per questa cima

20.+21. Purtroppo nelle nebbie/nuvole: la nostra discesa per il colouir Furca con pendenza sui 40, max. 45°

22. Il monte Cinto con la linea di discesa segnata in verde (in parte nascosta dalle rocce)

Dopo questa avventura siamo „sopra le nuvole“ col cuore leggero e l’anima che vola in alto a rivivere i momenti intensi di questa grande giornata, anche quando siamo sdraiate a letto con le gambe stanche e ginocchia che fanno male (povera Luisa, brava Luisa!) – felici e increduli di quello che insieme abbiamo vissuto.

Grande Paola e grazie ad aver insistito – solo per la tua „testa dura“ siamo arrivate in cima alla montagna più alta della Corsica!!!!

Monte Cinto:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.345715455625840.1073741916.100005621645301&type=1&l=17ad8593fd

Martedì 10 marzo:

Per l’ultima gita decidiamo di andare nella valle di Asco, dove si arriva comodamente in macchina a quota 1400 m e si parte e torna sci a piedi.

Ghi ci ha consigliato alcune mete, e alla fine saliremo a una specie di forcelletta sotto il Pic von Cube.

Finalmente una giornata “primaverile”, senza vento e caldo come ci si aspettava di trovare su un’isola mediterranea.
Sciata sul tanto desiderato firnone; ma le curve da sogno – come sempre - finiscono troppo presto.

Il report qui.

23. 24.25.26.

23. Simpatica compagnia alla partenza: gita scolastica con ciaspole, Arva e pala – credo che erano della prima, massimo seconda classe elementare

24. Dov’è che volevamo salire???? (dalla mia postura si nota che la motivazione oggi non era molto forte)

25. La nostra salita e le due varianti di discesa (quella a dx aveva un bellissimo firn mentre a sx ancora la neve non mollava)


27.28.29.

27. Quattro amiche soddisfatte – anche se non siamo arrivate in cima/cima, a volte ci accontentiamo anche di una forcella Wink
28. Senza parole
29. Ci basta poco per essere felici: un posto al sole, 2 noccioline e una birra.

Forcella Pic von Cube:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.345721305625255.1073741917.100005621645301&type=1&l=e557995286


Che dire dopo giornate così "piene" di emozioni ed avventure….

Un sincereo GRAZIE a tutte le tre amiche per tanti momenti intensi, momenti vissuti in posti stupendi di montagna e neve col mare all’orizzonte, con i monumenti della natura come alberi enormi o piccolissimi, storti, piegati ma non spezzati dal vento, rocce rosse o di granito pieni di buchi e segni, col ghiaccio, momenti pieni di gioia, tante risate, ma anche di scontro e discussioni, di racconti della propria storia di vita – momenti che ci hanno avvicinate l’una all’altra.

GRAZIE PAOLA
GRAZIE LUISA
GRAZIE STEFANIA


L'ultima modifica di Ruthi il Sab Mar 21, 2015 14:58, modificato 6 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6235
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 19:14    Oggetto:
 
brave Wink
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Leo Rispondi citando



Registrato: 27/01/07 17:31
Messaggi: 5144
Luogo di residenza: Zoldo

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 20:49    Oggetto:
 
Senza parole.....

E grazie per il bello e utile report! Wink Very Happy

Chissà se mai ci andrò...in Corsica
_________________
"..... tutta questa ghiaia sparpagliata fin sul baratro estremo di tutti gli appoggi che da l’idea del perenne e inevitabile movimento verso valle al quale non vorresti partecipare.. se possibile! " ...(da "Spiz ® e otoliti" di G.B.)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

La_Fenice Rispondi citando



Registrato: 07/11/09 21:13
Messaggi: 935
Luogo di residenza: Trento

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 21:19    Oggetto:
 
Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation wow mitiche!!complimenti a tutte 4!! Cool

ecco la prova che gli uomini non servono più a niente Laughing Laughing Laughing
Top
Profilo Invia messaggio privato

Leo Rispondi citando



Registrato: 27/01/07 17:31
Messaggi: 5144
Luogo di residenza: Zoldo

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 21:27    Oggetto:
 
La_Fenice ha scritto:
Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation wow mitiche!!complimenti a tutte 4!! Cool

ecco la prova che gli uomini non servono più a niente Laughing Laughing Laughing


Hahaha e il croccante Gil dove lo mettiamo? Very Happy Very Happy Very Happy
_________________
"..... tutta questa ghiaia sparpagliata fin sul baratro estremo di tutti gli appoggi che da l’idea del perenne e inevitabile movimento verso valle al quale non vorresti partecipare.. se possibile! " ...(da "Spiz ® e otoliti" di G.B.)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Petek Rispondi citando



Registrato: 21/02/14 09:55
Messaggi: 792
Luogo di residenza: Provincia di BL

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 21:31    Oggetto:
 
Complimenti! Sembra un gran bel posto! Prima o poi Rolling Eyes
_________________
---
La pendenza è la madre di tutti i vizi

il mio blog
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Ruthi Rispondi citando



Registrato: 02/03/12 10:57
Messaggi: 1512
Luogo di residenza: Terlano BZ

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 21:59    Oggetto:
 
La_Fenice ha scritto:
Exclamation Exclamation Exclamation Exclamation wow mitiche!!complimenti a tutte 4!! Cool

ecco la prova che gli uomini non servono più a niente Laughing Laughing Laughing

avevamo discusso proprio di questo: se si ha fiducia solo se si ha un uomo forte a fianco....
io dicevo di no. non è questione di uomo o donna, la FIDUCIA è il fattore che conta.
con evi, la mia amica di colleisarco, mi sentivo in grado di fare cose che da sola non avrei mai osato.
non mi fidavo abbastanza delle mie compagne per affrontare questa montagna, anche perchè non abbiamo mai fatto cose di questo tipo insieme.
è questione di "feeling"...

in corsica per fare il monte cinto per me era ghi il fattore di fiducia, poteva anche essere una guida femminile Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

l'ultima strega Rispondi citando



Registrato: 14/05/09 20:17
Messaggi: 2380
Luogo di residenza: in tutto il mondo

MessaggioInviato: Sab Mar 14, 2015 22:37    Oggetto: Re: Corsica 6.-11.3.2015
 
Ruthi ha scritto:


17. Lungo traverso – per me, che odio i traversi e (non riesco a capire il perchè) che mi fanno paura da morire, la parte più impegnativa di tutta la giornata Embarassed


Esseri simili... Laughing


Semplicemente GRANDI!! Razz Razz Razz Razz Razz Wink
_________________
Torno a casa ma ho già voglia di ripartire. Ho capito qual è il senso di una spedizione.E' salire una montagna andando oltre.E' distaccarsi dalla cima da elenco ... E' vivere l'assenza di radici come un cammino di libertà.... (Silvia M.Buscaini )
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Reportage fotografici
Vai a 1, 2, 3  Successivo
Pagina 1 di 3

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb