FAQHome   FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   AlbumAlbum    Over The Top 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 
 
simboli sulle vette

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Magazine: tra cultura e informazione

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6117
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Lun Apr 22, 2013 17:14    Oggetto: simboli sulle vette
 
L’associazione ambientalista Mountain Wilderness con un documento ha chiesto a Comuni, Province e Regioni vincoli precisi per l’installazione di simboli religiosi e civili in alta quota. Una richiesta che ha fatto discutere, perché taluni hanno interpretato di segno laicista una presa di posizione orientata a riportare la sobrietà sulle vette.

«In questi ultimi anni con sempre maggiore frequenza, il tradizionale uso di segnalare con una modesta croce il culmine delle montagne, ha assunto un carattere sempre più vistoso e autoreferenziale, allontanandosi dal significato originario – riferisce Luigi Casanova, di "Mw", estensore della nota –. Su creste, pendici e vette sorgono ingombranti strutture di diverso tipo, da quelle tecnologiche a quelle più dichiaratamente simboliche, portatrici di messaggi storici, religiosi, artistici o fantastici. La montagna viene usata come palcoscenico di ambizioni personali o di gruppo, per imporre aggressivamente convinzioni religiose, marcare il territorio con un proprio segno inconfondibile, o per costruire business».

Quindi? Via tutte le croci? No, risponde Casanova. Che ammette: la croce sul monte Cervino, quella sul monte Adamello, dove c’è stato anche papa Wojtyla, la croce sul monte Peralba, che Giovanni Paolo II ha raggiunto inerpicandosi sulle rocce, ed altre ancora, sono espressioni profonde della fede delle comunità, in tanti casi testimonianza storica e culturale. «È evidente che mai ci permetteremmo di bonificare quelle cime alpine da così preziosa simbologia».

È di altro che Mountain Wilderness vorrebbe fare pulizia. Della sagoma di dinosauro, ad esempio, di tre metri per sei, spuntato sulla cresta del monte Pelmo, nel cuore delle Dolomiti, fra l’altro riconosciuta come monumento dell’umanità dall’Unesco. Di croci gigantesche (anche illuminate di notte) che «rappresentano solo l’ambizione di un gruppo piuttosto che di un altro». Magari con pellegrinaggi spontanei, sconsigliati dalla stessa autorità ecclesiastica. Di altari, piccoli e grandi, in memoria di defunti. Di monumenti estemporanei, di opere d’arte di carattere profano. E via elencando.

«Ci limitiamo a chiedere l’attenzione di amministrazioni ed enti pubblici, così come delle associazioni alpinistiche ed escursionistiche, sull’opportunità di giungere a regolare, nel rispetto di luoghi e sensibilità, l’installazione di queste opere», puntualizza Vittorio De Savorgnani, anche lui di Mw. Riprende Casanova: «La grotta della Madonna agli oltre 3 mila metri del ghiacciaio della Marmolada, dove è stato in preghiera Giovanni Paolo II nel 1979, e da allora meta di pellegrini, è un luogo sacro da tutelare. Altre grotte, con statue magari variopinte, e improvvisate, assolutamente no».

La sobrietà in alta montagna è condivisa anche dal naturalista Cesare Lasen, coordinatore della commissione diocesana di Belluno-Feltre che si occupa delle problematiche delle terre alte. «Le nostre montagne sono una lode al Creatore senza bisogno che si aggiungano orpelli, se non quelli essenziali», afferma Lasen, che ha invitato la Fondazione Dolomiti Unesco, di cui fa parte, ad emanare linee guida. «L’importante è non strumentalizzare la sobrietà in chiave laicista». E questa è la posizione anche di gran parte del Club alpino italiano, a partire dal presidente Umberto Martini. «Dove è possibile, dobbiamo razionalizzare. L’abbiamo fatto, ad esempio, ai piedi del monte Civetta, realizzando una cappella alpina che raccoglie le croci, le targhe e quant’altro era stato installato nel territorio per ricordare i morti, alpinisti e della guerra».

_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

fluto Rispondi citando



Registrato: 19/04/05 14:00
Messaggi: 4099
Luogo di residenza: piccole dolomiti, pasubio

MessaggioInviato: Lun Apr 22, 2013 17:31    Oggetto:
 
Arrow

http://forum.thetop.it/viewtopic.php?t=3099&start=0&postdays=0&postorder=asc&highlight=
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Magazine: tra cultura e informazione
Pagina 1 di 1

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb