FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
riprende a franare

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6234
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 15:50    Oggetto: riprende a franare
 
Riprende a franare la montagna del Vajont
Il monte Toc si è risvegliato: alle 4.50 di ieri una frana di circa 300 mila metri cubi si è staccata dalla sommità del monte che il 9 ottobre 1963 provocò il disastro del Vajont. Il tonfo causato dall’imponente distacco di materiale roccioso ha tirato giù dal letto l’intera popolazione di Erto e Casso: tutti sono scesi in strada a vedere cosa fosse successo, rievocando quanto è accaduto in valle 46 anni fa. Solo con le prime luci dell’alba si è scoperta la reale entità del fenomeno: una fetta di montagna di circa mille metri quadri era precipitata al di sotto, arenandosi tra i detriti del 9 ottobre 1963.

Ghiaia, terra e intere porzioni boscose sono state ingoiate nel nulla in pochi secondi. Sul posto sono subito intervenute squadre della protezione civile e i tecnici del centro sismologico nazionale. La zona è impervia e non risulta interessata da strade o abitazioni: il materiale scivolato a fondovalle si è depositato all’ interno di un enorme avvallamento originatosi a seguito della sciagura del Vajont, modificando nuovamente i luoghi.

Vista la mancanza di pericoli per la pubblica incolumità, la popolazione locale e i turisti hanno trascorso l’intera giornata a osservare i nuovi distacchi di roccia. Sino a ieri sera le frane sono state infatti decine. Di continuo da alta quota è sceso del pietrame, provocando tonfi percepibili anche da vari chilometri di distanza.

Visibili persino dall’Alpago le colonne di fumo, che si sono formate ad ogni evento franoso. Non è ancora chiaro cosa possa aver causato una situazione di instabilità così grave. Molto probabilmente il disgelo e le piogge degli ultimi giorni hanno accelerato un movimento che da anni è in atto in zona. Ma neppure ciò sembra spiegare pienamente un episodio di questa portata.

Dal vicino Alpago non sono giunte notizie di scosse sismiche (l’a rea è infatti soggetta ad una costante attività tellurica): nemmeno il terremoto può quindi aver scatenato lo smottamento del Toc. Sicuramente non si è trattato di un caso isolato. Anzi. Da ieri sera sulla Val Vajont si è abbattuta l’intensissima perturbazione atmosferica che da qualche ora viene annunciata dai meteorologi. La pioggia dilaverà ulteriormente il terreno pericolante, facendo cedere altre fette di bosco.

«È dal 1963 che la “ferita” del monte Toc lascia cadere del materiale - ha spiegato al proposito l’ex sindaco e noto naturalista Italo Filippin, recatosi sul posto a constatare di persona i danni ambientali -. Mai però avevamo assistito ad un crollo così massiccio. Le successive microfrane non sono altro che un effetto della legge di gravità dopo che è venuta a mancare la base di appoggio sui cui sorgevano alberi e fondi erbosi. La tanta neve accumulatasi nel corso dell’inverno ha sicuramente agevolato il distacco».
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

doc.tor Rispondi citando



Registrato: 30/01/07 16:36
Messaggi: 1321
Luogo di residenza: Chioggia

MessaggioInviato: Mer Apr 29, 2009 23:56    Oggetto: Re: riprende a franare
 
ste ha scritto:
Riprende a franare la montagna del Vajont
Il monte Toc si è risvegliato: alle 4.50 di ieri una frana di circa 300 mila metri cubi si è staccata dalla sommità del monte che il 9 ottobre 1963 provocò il disastro del Vajont. Il tonfo causato dall’imponente distacco di materiale roccioso ha tirato giù dal letto l’intera popolazione di Erto e Casso: tutti sono scesi in strada a vedere cosa fosse successo, rievocando quanto è accaduto in valle 46 anni fa. Solo con le prime luci dell’alba si è scoperta la reale entità del fenomeno: una fetta di montagna di circa mille metri quadri era precipitata al di sotto, arenandosi tra i detriti del 9 ottobre 1963.

Ghiaia, terra e intere porzioni boscose sono state ingoiate nel nulla in pochi secondi. Sul posto sono subito intervenute squadre della protezione civile e i tecnici del centro sismologico nazionale. La zona è impervia e non risulta interessata da strade o abitazioni: il materiale scivolato a fondovalle si è depositato all’ interno di un enorme avvallamento originatosi a seguito della sciagura del Vajont, modificando nuovamente i luoghi.

Vista la mancanza di pericoli per la pubblica incolumità, la popolazione locale e i turisti hanno trascorso l’intera giornata a osservare i nuovi distacchi di roccia. Sino a ieri sera le frane sono state infatti decine. Di continuo da alta quota è sceso del pietrame, provocando tonfi percepibili anche da vari chilometri di distanza.

Visibili persino dall’Alpago le colonne di fumo, che si sono formate ad ogni evento franoso. Non è ancora chiaro cosa possa aver causato una situazione di instabilità così grave. Molto probabilmente il disgelo e le piogge degli ultimi giorni hanno accelerato un movimento che da anni è in atto in zona. Ma neppure ciò sembra spiegare pienamente un episodio di questa portata.

Dal vicino Alpago non sono giunte notizie di scosse sismiche (l’a rea è infatti soggetta ad una costante attività tellurica): nemmeno il terremoto può quindi aver scatenato lo smottamento del Toc. Sicuramente non si è trattato di un caso isolato. Anzi. Da ieri sera sulla Val Vajont si è abbattuta l’intensissima perturbazione atmosferica che da qualche ora viene annunciata dai meteorologi. La pioggia dilaverà ulteriormente il terreno pericolante, facendo cedere altre fette di bosco.

«È dal 1963 che la “ferita” del monte Toc lascia cadere del materiale - ha spiegato al proposito l’ex sindaco e noto naturalista Italo Filippin, recatosi sul posto a constatare di persona i danni ambientali -. Mai però avevamo assistito ad un crollo così massiccio. Le successive microfrane non sono altro che un effetto della legge di gravità dopo che è venuta a mancare la base di appoggio sui cui sorgevano alberi e fondi erbosi. La tanta neve accumulatasi nel corso dell’inverno ha sicuramente agevolato il distacco».



Shocked Shocked Shocked inquietante Exclamation
_________________
Dario
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente
Pagina 1 di 1

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb