FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
RIFUGIO CLAUDIO E BRUNO Val Formazza

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Locali consigliati

fluto Rispondi citando



Registrato: 19/04/05 14:00
Messaggi: 4118
Luogo di residenza: piccole dolomiti, pasubio

MessaggioInviato: Gio Feb 26, 2015 13:38    Oggetto: RIFUGIO CLAUDIO E BRUNO Val Formazza
 
Ofenhorn, Blinnenhorn, Hosandhorn, Turbhorn, questi sono solo alcuni dei 3000, che si possono raggiungere facilmente con gli sci dal rifugio Claudio e Bruno. Quando ci si trova su ognuna di queste cime, lo sguardo finisce per essere irrimediabilmente attirato dalla inconfondibile sagoma del Finsteraarhorn. Infatti l’Oberland sud-orientale è proprio lì, dall’altra parte della valle del Rodano. A detta di chi è stato sia da questa che dall’altra parte della valle, le montagne qui non hanno niente da invidiare alle ben più note cime dell’Oberland Bernese, con la differenza che su questo versante non si deve prenotare il rifugio con un anno di anticipo, i prezzi sono più abbordabili e la qualità del servizio è persino migliore. Questo è dovuto anche al fatto che il Claudio e Bruno è un rifugio un po’ particolare. Le persone che lo gestiscono sono tutti volontari, che gratuitamente offrono un po’ del loro tempo per aiutare i poveri. Infatti i proventi del rifugio vengono utilizzati nell’ambito dell’Operazione Mato Grosso per finanziare progetti umanitari in America Latina. L’ideatore di questa, come pure di moltissime altre iniziative simili, è padre Ugo de Censi, un sacerdote che ha dedicato la sua vita alla gente più povera nei luoghi più sperduti del Perù, della Bolivia e del Brasile. Come scrive Franco Michieli, nel suo recente libro: “Huascaràn 1993, verso l’alto, verso l’altro”, dall’incontro tra padre Ugo e il grande alpinista Battistino Bonali nacque l’idea un nuovo modo di rapportarsi con le popolazioni indigene locali, al motto di “salire in alto per aiutare chi sta in basso”. Venne così fondata la scuola di andinismo “Don Bosco en los Andes” a Marcarà in Perù, si costruirono molti rifugi sulla Cordillera e anche qui sulle Alpi. É questo il caso del Claudio e Bruno, un grande edificio di pietra di tre piani e 65 posti letto, venuti su dal nulla grazie alla fatica di tanti.
L’autostrada termina poco dopo Gravellona Toce. Si prosegue per la strada statale 33; ignorando le deviazioni per Macugnaga e per il Sempione, si risale la Val d’Ossola, seguendo il corso del Toce fino a quando la strada termina, poco dopo aver raggiunto le cascate care al Carducci, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera. Siamo in Val Formazza, Pomattertal in tedesco, in quanto si qui nel XIII secolo si insediarono molte famiglie Walser. Ci si trova nel punto più settentrionale del Piemonte al confine con il Canton Ticino a est il Vallese a ovest. Del resto i maggiori frequentatori del rifugio sono proprio gli scialpinisti svizzeri, che lo raggiungono da nord. Per chi proviene dall’Italia, invece, il percorso più naturale prevede di lasciare la macchina a Valdo. Da qui, in un paio di ore, si sale, utilizzando in parte gli impianti del Sagersboden, al rifugio Margaroli, dove, volendo, è possibile pernottare. Quindi si prosegue verso nord fino al passo del Vannino (2754 m). I più in forma potranno salire alla Punta d’Arbola (3.235 m), una classica di questa zona, per poi ridiscendere al passo. Da qui, seguendo il ghiacciaio omonimo, con una piacevole scivolata, quasi sempre su neve farinosa, si raggiunge il lago del Sabbione e quindi, in meno di un’ora, si risale al Claudio e Bruno (2713 m). Il giorno successivo sarà possibile scegliere tra molteplici itinerari tutti dal dislivello contenuto. Uno dei più classici è la salita alla cima del Sabbione (3.183 m ), eventualmente da abbinare a quella del Turbhorn (3244 m). In alternativa si possono esplorare le cime dall’altra parte del lago, tra le quali la più nota è la Punta del Ghiacciaio di Ban. Per il rientro a valle, in alternativa al percorso dell’andata, si può salire al Blinnenhorn (3.375 m) e quindi scendere ,con splendida sciata lungo il ghiacciaio del Gries, fino all’omonimo passo. Si prosegue su pendenze sostenuto fino alla conca del Bettelmatt e, superato il lago del Morasco, si giunge nella località di Riale. Da qui, in autostop o con i mezzi pubblici, si può raggiunge l’auto a Valdo, pochi chilometri più a valle.

Il rifugio quest’anno è aperto dal 7 marzo al 26 aprile.

Per informazioni e prenotazioni si possono utilizzare i seguenti recapiti: 3495047681 – 3423513145 ­– rifugioclaudioebruno@yahoo.it

profilo facebook: rifugiocarloebruno
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato

luisa-ve Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 10:52
Messaggi: 343
Luogo di residenza: mestre

MessaggioInviato: Gio Feb 26, 2015 18:31    Oggetto: Rifugio Claudio e Bruno e Val Formazza
 
Proprio sul n° di febbraio 2015 della rivista del Cai c'è un bel servizio sulla zona e sulle principali gite (Cime) classiche: Basodino, Corno Orientale di Nefelgiù, Blinnenhorn, Punta d'Arbola.
Con Ruth e altri 2 ragazzacci ci siamo stati l'anno scorso ad aprile e ci siamo trovati benissimo. Consiglio di dare un'occhiata al solito ottimo report fotografico di Ruth : Alpi Lepontine - Val Formazza - Ruth.

Ciao Luisa
_________________
sole/neve
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Locali consigliati
Pagina 1 di 1

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb