FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Valanghe, attacchini e telefonini
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 19:26    Oggetto: Valanghe, attacchini e telefonini
 
A seguito della nostra disavventura in valanga, un paio di riflessioni prese 'dal vivo'.

1) Attacchini

Quando avevo comprato i miei primi attacconi, il consiglio degli anziani, che ho sempre seguito, è stato: "I cinghietti sempre via in salita, che se finisci sotto ad una valanga magari riesci a liberarti degli sci e non ti tirano sotto"

Bene

Gli attacchini invece sono progettati per essere BLOCCATI in salita, altrimenti si aprono. E quindi, se si finisce sotto ad una valanga, non si aprono in nessun modo.

C'è qualcosa che io non so su come comportarsi con gli attacchini, o si è valutato che, statisticamente, gli sci non si aprono quindi il bloccarli non è un problema, o si è semplicemente sottovalutato il problema?

2) Telefonini

La teoria dice che, in ricerca, i telefonini dovrebbero restare spenti perché potrebbero interferire con l'ARVA.

Bene

Però l'operatore del 118 ti dice, giustamente, di lasciare acceso il telefonino in quanto potrebbero ricontattarti - questo nella mia esperienza è puntualmente accaduto mentre ero in ricerca.
Quindi, essendo solo e non avendo alternative, mi sono chiesto quanto e come il telefonino avrebbe potuto influenzare (oppure ha influenzato, non lo so) la ricerca, e in che fase.
Ci sono informazioni su questo?
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Leo Rispondi citando



Registrato: 27/01/07 17:31
Messaggi: 5113
Luogo di residenza: Zoldo

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 20:06    Oggetto:
 
eh...un bel problema questo!! Per quanto mi riguarda dall'esperienza che ho fatto se non blocco in salita basta una piccola torsione su un grumo di neve o come spesso accade seguire una traccia irregolare (sci di valle più basso) perchè lo sci si sganci con estrema facilità...quindi in salita si blocca e basta.
e quando succede non fai certo in tempo a sbloccare.. Rolling Eyes Rolling Eyes

Poi mi sembra sia successo anche (ma credo che sia molto difficile) che qualcuno si è salvato in un crepaccio proprio perchè è rimasto appeso a testa in giù sullo sci incastrato tra le due pareti Shocked Shocked

Ti dirò di più..quando c' è pendenza e neve dura io ora blocco anche in discesa. Pochi giorni fa scendendo dal Col Nudo sul duro con l'attacco in posizione di discesa mi si è sganciato uno sci e ho fatto venti metri a pelle d'orso in mezzo alle rocce!

Quando rimasi sotto io avevo i cinghioli dei silvretta legati, ma non so se gli sci mi abbiano o meno "tirato sotto di più" nella valanga...fattosta che ho recuperato gli sci e son sceso con loro dopo essermi liberato a fatica dalla neve!! Very Happy

La soluzione potrebbe essere usare un attacco con sistema di sgancio anche sul puntale, come fanno quelli che considerano il Dynafit poco sicuro.

Per quanto riguarda il telefono non ti so dire nulla.

Se no tutto bene? avete già ripreso? Surprised Surprised
_________________
"..... tutta questa ghiaia sparpagliata fin sul baratro estremo di tutti gli appoggi che da l’idea del perenne e inevitabile movimento verso valle al quale non vorresti partecipare.. se possibile! " ...(da "Spiz ® e otoliti" di G.B.)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

fabbrissimo Rispondi citando



Registrato: 16/04/05 14:55
Messaggi: 1403
Luogo di residenza: bolzano

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 21:18    Oggetto:
 
Behhhh riguardo i telefonini nn ho mai letto nulla (di serio) a riguardo.
Tralaltro arva e telefoni lavorano su frequenze totalm diverse x cui interferenze rilevanti nn penso possano svilupparsi.
(Molto piu importante e' spegnere il proprio arva se nn si e' impegnati direttam in ricerca)

//

Sull'attacchino nn c'e' proprio nulla da fare: e' una grave lacuna che (in fase salita) e' irrisolvibile. -> cambiare attacco, ma alla fine son sempre rimasto coi miei fedelissimi.
Eeevabbbe


Laughing
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato

fabbrissimo Rispondi citando



Registrato: 16/04/05 14:55
Messaggi: 1403
Luogo di residenza: bolzano

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 21:28    Oggetto:
 
X leo: io ho notato che con l'uso il vitone dietro della talloniera tende a svitarsi di conseguenza il valore di sgancio si riduce e si rischia che si sganci con poca sollecitazione (magari anche in semplice curva). Ho messo due tacche (basta un pennarello) una sul corpo talloniera e una sulla vite e controllo ogni tanto.
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 21:38    Oggetto:
 
il problema dell'attacco che non si sgancia in caso di valanga è serio, non solo perché lo sci ti tira sotto, ma ti impedisce di tirarti fuori visto che non arrivi al piede se sei sommerso
se sei in compagnia gli amici posso scavare e liberare lo sci, ma se sei solo basta un piccolo scaricamento primaverile di neve pesante e rimani bloccato come se avessi le radici
però non so se sia un problema degli attacchini, penso che anche gli altri attacchi possano rimanere chiusi e impedirti di sollevare i piedi
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Lun Mar 13, 2017 23:24    Oggetto:
 
ste ha scritto:
però non so se sia un problema degli attacchini, penso che anche gli altri attacchi possano rimanere chiusi e impedirti di sollevare i piedi

Sì, nel tuo scenario sicuramente non c'è differenza. Una volta che tutto si è fermato non c'è nulla da fare, bisogna scavare e raggiungere i piedi.
Anzi, ti dirò che appena raggiungi il puntale è molto semplice liberare il piede.
Io parlavo invece del fatto che, durante la fase dinamica del travolgimento, con i vecchi attacchi avevi qualche speranza che si aprissero, per urti o per torsioni, mentre con gli attacchini bloccati questa speranza non c'è.
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 8:13    Oggetto:
 
mauro ha scritto:
... vecchi attacchi avevi qualche speranza che si aprissero, per urti o per torsioni, mentre con gli attacchini bloccati questa speranza non c'è.


a me è capitato che il puntale, pur bloccato, sia sia aperto per una torsione eccessiva (es caduta in fase di inversione), non penso che il blocco sia totale

poi se ci sono dei rischi di distacchi si può sempre lasciarlo sulla posizione di discesa, così come un tempo si slacciavano i laccioli, giusto nel tratto che si ritiene a rischio
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Petek Rispondi citando



Registrato: 21/02/14 09:55
Messaggi: 792
Luogo di residenza: Provincia di BL

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 12:47    Oggetto:
 
L'attacco della Trab dovrebbe sganciarsi anche in salita.
Secondo me con gli anni si consumano i perni (o le sedi negli scarponi), per cui ritengo che con l'uso tendano ad aprirsi più facilmente che da nuovi (parlo del solo puntale, non della talloniera). Qualche volta le conseguenze non sono piacevoli.

Telefono ed ARVA, boh. Forse possono esserci interferenze tipo autoradio e telefono vicino...
Una volta avevo provato a chiedere maggiori dettagli, ma nessuno mi aveva saputo dire quale fosse la distanza minima tra i due strumenti. Per me è una indicazione generica "tenere lontani tutte le apparecchiature elettroniche dall'ARVA", ma non supportata da misure. Spero che qualcuno abbia delle informazioni verificabili, non del tipo di quelle dette da un amico di mio cuggino che una volta mi ha detto che se hai il pacemaker ed accendi l'Arva poi muooori!
_________________
---
La pendenza è la madre di tutti i vizi

il mio blog
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7223
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 17:43    Oggetto:
 
Leo ha scritto:
...........
Poi mi sembra sia successo anche (ma credo che sia molto difficile) che qualcuno si è salvato in un crepaccio proprio perchè è rimasto appeso a testa in giù sullo sci incastrato tra le due pareti Shocked Shocked

.........


E' successo ad un mio amico anni fa.....se non ricordo male è rimasto appeso un'ora Shocked
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7223
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 17:50    Oggetto:
 
mauro ha scritto:
..........
Io parlavo invece del fatto che, durante la fase dinamica del travolgimento, con i vecchi attacchi avevi qualche speranza che si aprissero, per urti o per torsioni, mentre con gli attacchini bloccati questa speranza non c'è.


Per quanto riguarda la mia passata esperienza, con i mei vecchi "attacconi", uno si è aperto e l'altro per fortuna no ed è quello che mi ha permesso, con la forza della disperazione, di alzarmi ed uscire di lato.
Secondo me, van bene le indicazioni generali ma poi ogni caso ha la sua specificità e se non c'è anche una grossa dose di culo, c'è poco da fare.... Wink

Comunque è vero, quando non c'erano gli skistopper, in discesa si mettevano i cinghietti....
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 18:58    Oggetto:
 
Valentino_52 ha scritto:
...ogni caso ha la sua specificità e se non c'è anche una grossa dose di culo, c'è poco da fare....


parole sante

Valentino_52 ha scritto:
...quando non c'erano gli skistopper, in discesa si mettevano i cinghietti....


pensa che un mio conoscente domenica ha provato gli sci nuovi, parte dalla cima e alla prima curva uno sci si sgancia e va per la tangente
ora possiede uno sci solo (nuovo, mai usato in discesa, perchè ha dovuto scendere a piedi)
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

fabbrissimo Rispondi citando



Registrato: 16/04/05 14:55
Messaggi: 1403
Luogo di residenza: bolzano

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 20:41    Oggetto:
 
Cool Shocked Laughing
Niente male come battesimo…
_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Mar Mar 14, 2017 20:58    Oggetto:
 
il guaio è che con neve ghiacciata e pendenze sostenute lo skistopper non stoppa Confused
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4511
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 12:30    Oggetto:
 
ste ha scritto:

pensa che un mio conoscente domenica ha provato gli sci nuovi, parte dalla cima e alla prima curva uno sci si sgancia e va per la tangente
ora possiede uno sci solo (nuovo, mai usato in discesa, perchè ha dovuto scendere a piedi)


poteva chiamare l'elicottero, non avrebbe nemmeno pagato perché perdere lo sci è considerata "situazione di pericolo" (esperienza diretta, ad un amico erano partiti gli sci dalla cima) Rolling Eyes Rolling Eyes
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4511
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 12:56    Oggetto:
 
In merito all'attacco che non si sgancia in salita...

A parte che mi sembrava appurato che la maggior parte degli incidenti capita in discesa.

Io credo che la valutazione che hanno fatto sia questa:
- se resti sepolto, sci attaccato o meno, o non esci da solo o almeno liberi la testa per respirare. Quindi la presenza dello sci è ininfluente
- se sei semisepolto, o se liberi almeno la testa, comunque respiri, quindi sci attaccato o meno sopravvivi.

Resta il problema dell'ipotermia, se lo sci ti fa restare "incastrato" (testa fuori ma corpo sotto).

Inoltre, credo che lo sci che rimane attaccato non sia un problema nel mentre che vieni travolto in quanto un aumento del tuo volume dovrebbe aiutare a galleggiare.
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb