FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Valanghe, attacchini e telefonini
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 13:18    Oggetto:
 
SimonRussi ha scritto:
In merito all'attacco che non si sgancia in salita...

A parte che mi sembrava appurato che la maggior parte degli incidenti capita in discesa.

Io credo che la valutazione che hanno fatto sia questa:
- se resti sepolto, sci attaccato o meno, o non esci da solo o almeno liberi la testa per respirare. Quindi la presenza dello sci è ininfluente
- se sei semisepolto, o se liberi almeno la testa, comunque respiri, quindi sci attaccato o meno sopravvivi.

Resta il problema dell'ipotermia, se lo sci ti fa restare "incastrato" (testa fuori ma corpo sotto).

Inoltre, credo che lo sci che rimane attaccato non sia un problema nel mentre che vieni travolto in quanto un aumento del tuo volume dovrebbe aiutare a galleggiare.

Facevo il caso della salita perche' a noi e' capitato in salita.

Secondo me sei troppo buono con chi ha pensato il sistema, proponi dei ragionamenti troppo raffinati tra testa sopra/sotto/sepolto/semisepolto.

Poi non va considerato solo il discorso 'ti tiene sotto', che effettivamente puo' avere influenza bassa, ma ben piu' grave, il discorso dei traumi indotti dalle due "ancore" o "vele" indipendenti che hai attaccate ai piedi - che fortunatamente non e' stato il caso di Nadia.

Infine, due aste di un cm di spessore non credo possano essere considerati un volume in piu', ed in ogni caso il peso e' tale da non comportare una diminuzione di peso specifico dell'insieme.
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Denali Rispondi citando



Registrato: 06/04/05 14:59
Messaggi: 2381

MessaggioInviato: Mer Mar 15, 2017 14:57    Oggetto:
 
Credo anch'io che la mancanza di sblocco in salita sia dovuta più a vincoli tecnici che a scelta voluta.
E anche che gli sci ai piedi diminuiscano il galleggiamento una volta perso il controllo ... ruzzolando nella neve sarebbe meglio liberarsi di sci e bastoncini (ma dubito se ne abbia modo) ... diverso lo zaino che può proteggere la schiena ed ha peso specifico inferiore al corpo.

Al di là della prevenzione che va sempre perseguita (ma che allo stato attuale delle conoscenze non appare sufficiente ad abbattere il rischio) ... il prossimo step tecnologico per aumentare la sicurezza credo sarà l'airbag.

Fermo restando che prima di ciò metterei anche un aumento di preparazione che permetta di ottimizzare quanto già abbiamo ... il felice esito di Mauro è dovuto anche a ciò. Ma quanti di noi fanno regolarmente delle esercitazioni? Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Luckyman Rispondi citando



Registrato: 16/04/09 16:33
Messaggi: 573
Luogo di residenza: Cogollo del Cengio

MessaggioInviato: Gio Mar 16, 2017 14:49    Oggetto:
 
tutti gli apparati alimentati da batteria (cellulare, GPS, macchina fotografica) dovrebbero essere tenuti almeno 40-50cm di distanza dall'ARVA. Distanze inferiori possono dare problemi di trasmissione.
Essendo quasi impossibile il consiglio è di metterli nello zaino, almeno il corpo scherma qualcosa.

http://arc.lib.montana.edu/snow-science/objects/issw-2012-348-352.pdf


http://beaconreviews.com/transceivers/Interference.asp

Inoltre approfondendo con uno del settore il problema attacchini bloccati o meno, sembra ci sia la brutta abitudine di bloccarli anche in discese facili. Personalmente in discesa li blocco solo su passaggi difficili ed esposti. Mentre in salita sempre bloccati e talvolta si staccano comunque.

Vi invito a leggere anche questo:

http://www.maestrofrigerio.com/Public/Ospiti/Download/20090121_Approfondimenti%20Barryvox%20Pulse.pdf

In caso di travolgimenti multipli, la presenza di vecchi ARVA analogici può causare la sovrapposizione dei segnali di trasmissione, rendendo difficile ad un ARVA digitale identificare il corretto numero di travolti.


Approfitto per ringraziare Mauro per aver condiviso la sua storia e faccio i migliori auguri a Nadia per una piena ripresa.
_________________
"Solo gli spiriti dell'aria sanno che cosa incontrerò dietro le montagne...ma io vado avanti" - (K. Diemberger)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Petek Rispondi citando



Registrato: 21/02/14 09:55
Messaggi: 792
Luogo di residenza: Provincia di BL

MessaggioInviato: Gio Mar 16, 2017 19:18    Oggetto:
 
Luckyman ha scritto:
tutti gli apparati alimentati da batteria (cellulare, GPS, macchina fotografica) dovrebbero essere tenuti almeno 40-50cm di distanza dall'ARVA. Distanze inferiori possono dare problemi di trasmissione.
Essendo quasi impossibile il consiglio è di metterli nello zaino, almeno il corpo scherma qualcosa.

http://arc.lib.montana.edu/snow-science/objects/issw-2012-348-352.pdf


http://beaconreviews.com/transceivers/Interference.asp

Inoltre approfondendo con uno del settore il problema attacchini bloccati o meno, sembra ci sia la brutta abitudine di bloccarli anche in discese facili. Personalmente in discesa li blocco solo su passaggi difficili ed esposti. Mentre in salita sempre bloccati e talvolta si staccano comunque.

Vi invito a leggere anche questo:

http://www.maestrofrigerio.com/Public/Ospiti/Download/20090121_Approfondimenti%20Barryvox%20Pulse.pdf

In caso di travolgimenti multipli, la presenza di vecchi ARVA analogici può causare la sovrapposizione dei segnali di trasmissione, rendendo difficile ad un ARVA digitale identificare il corretto numero di travolti.


Approfitto per ringraziare Mauro per aver condiviso la sua storia e faccio i migliori auguri a Nadia per una piena ripresa.


Grazie. Dopo leggo i tre link.
Riguardo all'ultimo però ho qualche dubbio, l'articolo è del 2008, quando il barrivox era appena uscito. Dopo numerosi aggiornamenti del firmware può darsi che le cose siano cambiate (non è detto in meglio)
_________________
---
La pendenza è la madre di tutti i vizi

il mio blog
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Ven Mar 17, 2017 9:38    Oggetto:
 
grazie Luckyman, molto interessante soprattutto la parte che riguarda la differenza tra telefonino solo acceso e telefonino che telefona.
Io avrei detto che non c'era grande differenza, visto che anche quando non c'e' conversazione in atto il telefono continua a dialogare con le celle.
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Luckyman Rispondi citando



Registrato: 16/04/09 16:33
Messaggi: 573
Luogo di residenza: Cogollo del Cengio

MessaggioInviato: Ven Mar 17, 2017 9:51    Oggetto:
 
Petek ha scritto:
Luckyman ha scritto:
tutti gli apparati alimentati da batteria (cellulare, GPS, macchina fotografica) dovrebbero essere tenuti almeno 40-50cm di distanza dall'ARVA. Distanze inferiori possono dare problemi di trasmissione.
Essendo quasi impossibile il consiglio è di metterli nello zaino, almeno il corpo scherma qualcosa.

http://arc.lib.montana.edu/snow-science/objects/issw-2012-348-352.pdf


http://beaconreviews.com/transceivers/Interference.asp

Inoltre approfondendo con uno del settore il problema attacchini bloccati o meno, sembra ci sia la brutta abitudine di bloccarli anche in discese facili. Personalmente in discesa li blocco solo su passaggi difficili ed esposti. Mentre in salita sempre bloccati e talvolta si staccano comunque.

Vi invito a leggere anche questo:

http://www.maestrofrigerio.com/Public/Ospiti/Download/20090121_Approfondimenti%20Barryvox%20Pulse.pdf

In caso di travolgimenti multipli, la presenza di vecchi ARVA analogici può causare la sovrapposizione dei segnali di trasmissione, rendendo difficile ad un ARVA digitale identificare il corretto numero di travolti.


Approfitto per ringraziare Mauro per aver condiviso la sua storia e faccio i migliori auguri a Nadia per una piena ripresa.


Grazie. Dopo leggo i tre link.
Riguardo all'ultimo però ho qualche dubbio, l'articolo è del 2008, quando il barrivox era appena uscito. Dopo numerosi aggiornamenti del firmware può darsi che le cose siano cambiate (non è detto in meglio)


Sebbene l'articolo sia del 2008 il problema rimane comunque, essendo generato dai vecchi analogici. In presenza di suddetti dispositivi il problema di copertura del segnale e perdita della marcatura lo puoi riscontrare in tutti gli ARVA digitali, chi più chi meno
_________________
"Solo gli spiriti dell'aria sanno che cosa incontrerò dietro le montagne...ma io vado avanti" - (K. Diemberger)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

gamba Rispondi citando



Registrato: 18/06/09 13:45
Messaggi: 53
Luogo di residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Mar 24, 2017 14:29    Oggetto: galleggiamento
 
quando mi successe ... mentre ero dentro e rotolavo verso valle dentro la massa nevosa, come un vestito in lavatrice, in quella (per fortuna piccola) valanga, a un certo punto ho percepito che si staccavano gli sci stack stack prima uno poi l'altro (persi). Ho la quasi certezza che -questo- oltre a non avere i polsi nei laccioli dei bastoncini, mi ha consentito alla fine di emergere. Qualcuno sa se esistono attacchi leggeri e sicuri da qs punto di vista ?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Matteo_DG Rispondi citando



Registrato: 10/04/14 22:44
Messaggi: 53
Luogo di residenza: Vicenza - Vipiteno

MessaggioInviato: Ven Mar 24, 2017 15:43    Oggetto: Re: galleggiamento
 
gamba ha scritto:
quando mi successe ... mentre ero dentro e rotolavo verso valle dentro la massa nevosa, come un vestito in lavatrice, in quella (per fortuna piccola) valanga, a un certo punto ho percepito che si staccavano gli sci stack stack prima uno poi l'altro (persi). Ho la quasi certezza che -questo- oltre a non avere i polsi nei laccioli dei bastoncini, mi ha consentito alla fine di emergere. Qualcuno sa se esistono attacchi leggeri e sicuri da qs punto di vista ?


Il Diamir Vipec12 non è mai completamente bloccato in salita.
Tirando la leva in pratica aumenti la taratura delle molle. Ma mi è capitato, con uno sci molto largo al centro (115mm) di riuscire a farlo scattare "a torsione" su un traverso sulle lamine in salita.

Se guardi le istruzioni-sito della Diamir vedrai che è recensito come un fattore di "sicurezza".

NB: ricordo che il Vipec12 ha il meccanismo di sgancio laterale nel puntale, come il Trab TR2, regolabile da 1 a 12 DIN.

NB2: ricordo che con gli attacchini con la torretta posteriore girevole non occorre tirare la leva a morte in salita. Anzi, nel manuale dell'ATK Rider è specificato di usare il primo scatto con scarponi nuovi per limitare l'usura degli inserti. Se si avvertono sganci aumentare progressivamente man mano che lo scarpone si consuma.

Poi... se siamo in una zona un po' a rischio... Credo si possa anche valutare di salire con la leva sbloccata...
_________________
Matteo
Top
Profilo Invia messaggio privato

gamba Rispondi citando



Registrato: 18/06/09 13:45
Messaggi: 53
Luogo di residenza: Padova

MessaggioInviato: Dom Mar 26, 2017 21:50    Oggetto:
 
grazie per le informazioni Matteo Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb