FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Una valanga, due punti di vista
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Ven Nov 17, 2017 16:01    Oggetto: Una valanga, due punti di vista
 
Riporto qui la nostra esperienza con la Valanga, dai due punti di vista di chi sta sopra e chi sta sotto.

Ci ho messo un po' a metterla su carta. Ho cercato di essere il più preciso possibile nel racconto, ho cercato di non tralasciare nessun dettaglio. Non posso ovviamente garantire che tutti i pensieri che mi sono passati per la testa siano nell'ordine giusto.
Per quanto riguarda i tempi ho utilizzato gli orari delle chiamate sul cellulare e la traccia GPS (invero piuttosto confusa), ma naturalmente gli eventi intermedi (e soprattutto le sensazioni di Nadia) sono posizionati in modo ragionevole ma non necessariamente preciso.

Scusate, è venuto un po' lungo.

Antefatto

La giornata, come da previsioni o addirittura prima del previsto, sta migliorando. Gli squarci di sereno sono sempre di più, il vento non è eccessivo. Stiamo salendo gli ultimi metri della nostra gita. Siamo solo noi due, Nadia e Mauro, nessun altro in zona. Ho appena finito di fare alcune zete e sono arrivato su un poggio, dove abbiamo deciso che avremmo mangiato il panino prima di scendere.

Sono sulla diagonale, riparto dopo aver fatto una foto a Mauro che sta finendo le zete. Sparisce dietro al risalto del poggio e poi lo rivedo sbucare.

Mi affaccio al pendio (non pensate ad uno scalino, le pendenze sono comunque abbastanza dolci): Nadia sta salendo lungo la diagonale che arriva alle zete, non è troppo distante dalla prima inversione. Le faccio un urlo: “Vado a vedere poco più in là, c'è un bel sassone per il pranzo” - “Ok, mi risponde”. Mi giro e mi inoltro sul pianoro verso il sasso.

12:48 Zero minuti

Non sono ancora arrivata alla prima zeta, sento come un botto, penso: “Che strano, un tuono proprio adesso che il cielo è ormai quasi sereno”. Non ho tempo di fare o pensare altro. Tutto si muove, sono già con la testa verso valle, la cosa è fulminea. Non ho l'impressione di essere stata urtata, travolta, spinta. Sono dentro e basta.
Sono sotto.
Spero solo che Mauro si sia voltato subito e stia vedendo dove sto andando.


Ho fatto non più di 20 metri dal bordo del poggio. Non so cosa mi fa voltare di scatto, non so se un rumore, non so se una sensazione a pelle. Non lo so. So solo che quando mi volto vedo una enorme cascata bianca oltre il poggio e su tutto il catino. Non romba, scroscia. Non fa polvere, sembra l'acqua bianca di una cascata. Una cascata con più di 200 metri di fronte.

Capisco che tutto si sta muovendo, o meglio che io mi sto muovendo con il tutto, ma non so in che direzione. Cerco di muovere le braccia (penso di aver mollato subito i bastoncini), le gambe no, quelle sono già belle fisse con gli sci attaccati.

“Cazzo”, dico. Lo dico veramente, a voce non troppo alta, non lo penso solamente.
Non c'è alcun dubbio, Nadia è stata presa. Mi precipito verso il bordo del poggio. Quando guardo giù, ho un attimo di sconforto. Tutto il pendio scorre, tutta la conca sotto il pendio (cento metri sotto di me) è piena di neve che si muove, e la valanga ha superato il limite della conca e si è tuffata nel canalone sottostante. Probabilmente lo sta percorrendo tutto.
Di Nadia, manco a dirlo, nessuna traccia.

Ho una mano non troppo lontana dalla faccia, credo; cerco di grattare la neve per fare un buco, ma per poco. Anche la mano è ormai cementata. Tutto si ferma.

12:49 Un minuto.

Tutto si è fermato, tutto è bianco, tutto è silenzioso.
Guardo verso le creste: il distacco è arrivato a pochi metri dalla cresta, non c'è sicuramente pericolo che scenda qualcos'altro.
E adesso che faccio? Istintivamente mi tolgo lo zaino, tiro fuori il cellulare, che è già acceso, dato che da un po' di tempo sto facendo prove di tracking col GPS, e controllo se ho campo. Sì, ne ho. Non sono invece sicuro che ne avrò una volta sceso più in basso. Chiamo il 118.
Dopo il secondo squillo, un risponditore automatico mi dice che gli operatori sono occupati, e che il primo libero mi risponderà a breve. Un attimo di buio. Ti do 20 secondi – penso - poi attacco. Nel frattempo estraggo l'ARVA e lo metto in ricerca. Ovviamente non aggancia il segnale, sono a più di 100 metri da dove si trovava Nadia.

Non penso di urlare e chiedere aiuto. Mi viene subito in mente l'intervista fatta in questi giorni all'altoatesino che è sopravvissuto alla valanga che ha ucciso alcune persone in val d'Aosta. Diceva che era rimasto calmo, respirando il più tranquillamente possibile. Ecco, farò così, respirerò con calma. Tanto altro non posso fare.

Pochi secondi e un'operatrice risponde.
Le vomito addosso in un fiato tutto quello che posso, c'è stata una valanga, c'è un sepolto, sono solo, inizio le operazioni di ricerca. Probabilmente tutte queste cose le urlo.

12:50 Due minuti..

Efficientissima. Calma. Non saprei che altro dire della donna all'altro capo del filo. Mi chiede subito se io sono in sicurezza, se ho l'ARVA e se la persona sepolta lo ha, mi chiede conferma della zona, del versante, della quota. Mi chiede delle condizioni meteo. Mi dice di lasciar libero il telefono.
La chiamata dura in tutto un minuto e mezzo.

12:51 Tre minuti...

Rimetto via il cellulare nel cappuccio dello zaino. Che inutile perdita di tempo, perchè l'ho fatto?
Mi dico: “Fai conto che sia un'esercitazione, vediamo quanto veloce sei”. Guardo l'ora sull'orologio, voglio sapere sempre quanto tempo è passato, ma quell'ora non me la ricorderò mai più. E neppure guarderò più l'orologio. Da questo momento entro in una specie di tunnel.

Un'altra immagine: la risalita in emergenza dalle torbide acque del Garda, dopo un attacco di panico. Era il 1985, ero ancora alle prime armi, eravamo ad una ventina di metri di profondità, non si vedeva quasi niente quando improvvisamente sentii che non respiravo e decisi che volevo tornare all'aria. Erano altri tempi, per chi ha qualche cognizione di immersioni ricordo che allora il secondo erogatore non esisteva, in pochi avevano il giubbotto ad assetto variabile, io ancora no. Quella volta, mi aggrappai a Mauro e iniziai a pinneggiare verso l'alto. Salimmo di gran carriera, in un turbinio di bolle. Ecco, mi vedo in quel turbinio di bolle. Dopo una breve pausa in superficie, ritornammo giù: dovevamo scacciare subito i fantasmi.

Inizio a scendere. Il pendio dove avevo fatto le zete lo posso scendere al volo, Nadia è sicuramente molto più sotto. Ho le pelli, gli scarponi molli, il tallone libero, l'ARVA ancora silenzioso in mano e i bastoncini nell'altra. Il primo tratto è abbastanza ripido, la neve scivolata a valle ha lasciato libero il fondo gelato. Stai attento, mi dico, non puoi permetterti di cadere.

12:52 Quattro minuti....

Non so come ho fatto a scendere senza ribaltarmi. Diagonali, inversioni, il tutto con le pelli, a tallone libero su neve gelata, senza usare i bastoncini e stando attento a non lasciarmi sfuggire qualche possibile traccia. Sono calmo, ma evidentemente anche pieno di adrenalina.
Sta di fatto che sto entrando nella zona dove si trovava Nadia. Inizio ad allargare le diagonali, anche se sono sicuramente ancora troppo in alto. So la quota a cui si trovava Nadia, anche se adesso, senza più il riferimento della traccia totalmente scomparsa nella valanga, tutto è diverso.

12:53 Cinque minuti.....

Si alternano lampi di luce, momenti di buio. Probabilmente sono stata in stato di semiincoscienza per gran parte del tempo. Sicuramente è stato meglio così.

Squilla il telefono. Devo fermarmi, togliermi lo zaino, tirar fuori il cellulare e rispondere. Sinceramente non ricordo molto di questa seconda chiamata. L'operatrice mi chiede conferma del fatto che sia in sicurezza, e vuole sapere del meteo, me lo chiede un paio di volte: “Ma il tempo com'è?” - “Sereno. Ci sono delle nuvole sulle creste intorno, ma qui c'è il sole”.

12:54 Sei minuti......

Ho l'impressione che l'operatrice voglia mettermi in contatto con i soccorritori, la chiamata è aperta, sento altre voci maschili. Un paio di minuti e sono di nuovo solo col mio ARVA, ancora muto. Anzi, non proprio muto, emette un brusio, una specie di rumore bianco molto tenue. Il display mostra sempre il simbolino del fulminetto, segno che non sta sentendo nulla.
Riprendo a scendere a zig zag. Questa volta però il telefono lo metto in tasca.

12:55 Sette minuti.......

BIP! BIP! Aggancio il segnale. Freccetta e numeri, non ricordo quanti metri.
Sono quasi stordito dal suono: aspetto un attimo che la freccia si stabilizzi, come mi aspettavo punta ancora verso valle. Il pendio ormai si è addolcito, non ho problemi a scivolare con le pelli, la superficie della valanga è uniforme. Parto come un missile seguendo la freccia, in diagonale.
Mi fa curvare verso valle, la mia velocità aumenta, i metri calano, poi, d'un tratto, l'ARTVA impazzisce, dà numeri e direzioni a caso.
Cretino che sono, sto andando troppo veloce, devo dargli tempo. Mi fermo, aspetto, la freccia e la distanza si stabilizzano. Mi riavvio nella direzione opposta, mi rendo conto che devo tornare indietro. Sono praticamente in piano, per fortuna.

12:56 Otto minuti........

Ma che strano, l'ARVA emette un allarme. Cavolo, penso del tutto irrazionalmente, non è che adesso me la perde? Mi sta dicendo che ho sbagliato qualcosa? Boh, andiamo avanti.

Ci sono vicino, meno di tre metri, non c'è più l'indicazione della direzione ma quella delle due frecce alto-basso, devo iniziare la ricerca fine. Che faccio, tolgo gli sci oppure no? No, non li tolgo, sono comodo così. Inizio ad avanzare.

12:57 Nove minuti.........

Spento. L'ARVA si è spento. O, meglio, non cerca più. Si è riacceso il led lampeggiante rosso. Un attimo di smarrimento, poi mi do del cretino per l'ennesima volta. Ecco cos'era l'allarme di prima! Il passaggio automatico alla modalità di trasmissione dopo 8 minuti! Triplo click e, dopo un attimo di indecisione, mi conferma che sono in zona di ricerca fine. Ho perso di nuovo secondi preziosi.
Proseguo, sto attento a mantenere l'allineamento dell'ARVA, ma mi dimentico completamente di tenerlo il più vicino possibile al suolo. Avanti... stop... indietro... stop... destra... stop... ... ...

1,3 metri. Questo è il minimo che riesco a fare con l'ARVA. E' ragionevole? E' ancora troppo?
Mi verrebbe la tentazione di continuare a fare il pendolo per ridurre il maledetto numero. Penso che se veramente Nadia si trova a 1,3 metri sotto la neve non ce la farò mai ad arrivare in tempo. Rimuovo subito il pensiero: “Ricordati, è un'esercitazione, un minimo è un minimo, non lo si può abbassare ancora. Il difficile è passato”.
E invece da qui in avanti, servirà molto più raziocinio, le prove che ho fatto si sono sempre fermate al termine della ricerca fine. La sonda? Solo qualche volta per vedere quanta neve c'è o per avere un'idea sommaria della consistenza degli strati di neve, in genere in cima, in una bella giornata di sole, tanto per far qualcosa di diverso. La pala? Quella sì, l'ho usata spesso, per scavare delle belle e comode panche nella neve o per costruire rudimentali ripari dal vento.

12:58 Dieci minuti..........

Di appoggiare l'ARVA al suolo non se ne parla, è ancora legato con l'elastico al suo fodero, forse passa anche dietro alla bretella dei pantaloni, e l'ho estratto dal collo del pile.
Metto un bastoncino sul punto di minimo, tolgo gli sci, li lancio lontani, tolgo lo zaino, tiro fuori l'astuccio della sonda, ne apro la piccola cerniera (mannaggia sarebbe meno estetico ma più pratico lasciarla nello zaino senza fodera, vero?), estraggo la sonda, la monto, non so come, al primo colpo. Il cavetto si tende e la vite di arresto fa subito il suo lavoro.

12:59 Undici minuti...........

E adesso? E se pestando in giro comprimo la neve sulla sua faccia e la soffoco? O le monto sulla gabbia toracica? Beh, non posso mica volare.
La prima sondata arriva oltre i tre metri. Porca miseria, quanto è fonda, non ce la farò mai. Ma no, sono uno scemo, a cosa serve andare fino a tre metri se l'ARVA ne ha indicati 1,3? Nadia sarà al massimo a 1,3. Le successive sondate le fermo a due metri.
Non sondo a spirale, non mi viene in mente. Ho in mente l'immagine tipica del gruppo di persone che in parallelo procede con la ricerca.
Faccio una prima riga, 6 o 7 buchi, più o meno fino ad un metro a destra e uno a sinistra rispetto al minimo. Niente. Pianto i due bastoncini come riferimento agli estremi della prima riga, non vorrei risondare dove ho già cercato.

Un altro attimo di coscienza, un altro ricordo, un altra immagine. Vedo mia mamma. Non un episodio in particolare. Solo l'immagine. O forse non la vedo, la percepisco e basta.

13:00 Dodici minuti............

Mi sposto in avanti, inizio la seconda riga. La sonda si ferma subito su qualcosa di morbido sul secondo segmento, 50-60 cm, non di più. L'ho presa!
Dovrei risondare per capire la direzione? Non lo so, ma non lo faccio. Al diavolo, 50 cm si scavano in un attimo, mi dico. Il terreno è piano, io ricordo solo che si dovrebbe scavare a valle della sonda...

Torno vado allo zaino, tiro fuori la pala. Anzi, tiro fuori la sacca di tela in cui tengo la pala. Il nodo che ferma il cordino che la tiene chiusa non si apre immediatamente, ovviamente. Anche qui, porca miseria, cosa costerebbe tenere la pala direttamente nello zaino?

13:01 Tredici minuti.............

Ho una pala con il manico incernierato con tre segmenti e due snodi. Per aprirla bisogna estendere il manico con cura, altrimenti uno snodo si può incastrare nel fermo. Una volta esteso, si deve avvitare il fermo: un paio di giri. Il tutto sempre con i guanti addosso: l'ultima cosa che voglio è ritrovarmi la pala calda e incrostata di neve. Avrei comunque preferito una cosa più veloce.

Inizio finalmente a scavare. La neve è morbida e consistente, si scava facile. Quattro, cinque, sei, dieci palate abbondanti e vedo apparire qualcosa di blu e grigio. E' lo zaino. Non capisco da che parte è girato, ma sicuramente quella che vedo non è la parte posteriore. Questa è proprio una bella notizia.

13:02 Quattordici minuti..............

Sposto lo scavo lateralmente verso sinistra, procedo con più attenzione. Sono fortunato, molto fortunato. Rosso! E' una spalla! A questo punto so in che direzione andare. Mollo la pala e parto con le mani.

Capelli, orecchio, stanghetta degli occhiali, naso, arrivo alla bocca.

13:03 Quindici minuti...............

Scavo un piccolo incavo davanti alla bocca. “Eeeeeeeeeeeeeeeeh ... eeeeeeeeeeeeeeh ... eeeeeeeeeeeh” Una specie di rantolo – belato.
“Mi senti? Nadia, mi senti?”
“Eeeeeeeeeeeeeeeeh ... eeeeeeeeeeeeeeh ...”
“Urla, urla quanto vuoi, sono qui, brava”

Libero meglio la faccia in modo che altra neve non le cada sulla bocca. Sembra respirare bene, continua a belare. Lo spazio tra la faccia e gli occhiali è pieno di neve, le libero gli occhi.
“Respira, respira, brava...”

“...... Respira, ...... respira .... respira “: sono queste le prime parole che sento. Respiro, respiro.

13:04 Sedici minuti................

Riprendo la pala e scavo nella zona del torace, in modo che riesca a respirare. Inizio a vedere come è messa: il braccio destro è piegato, la mano è all'altezza della faccia, ma a una vetina di centimetri dalla bocca.
La testa è rivolta a valle, il corpo sembra disposto orizzontalmente, appena piegato in avanti.
Scavo e chiamo, chiamo e scavo, un po' con la pala e un po' con le mani.

13:05 Diciassette minuti.................

“Mi senti? Riesci a sentirmi?”
Smette di rantolare e mi risponde. Parla subito in modo estremamente normale e calmo
“Sì, ti sento”
Respiri bene? Come sono messe le gambe? Le senti? Hai male da qualche parte? Qualcosa che tira?
“Non ho male, ok, va bene”
“Dove hai l'altro braccio?”
“E' in alto, sotto. Forse”

13:06 Diciotto minuti..................

Devo per forza allargare la buca per proseguire, ma adesso è facile, vado di buona lena. Ogni tanto la avviso che le potrebbe cadere un po' di neve sulla faccia, ha una mano libera può coprirsi.

13:07 Diciannove minuti...................
13:08 Venti minuti....................

Tiro fuori il cellulare, vorrei avvisare il 118 che ho ritrovato il travolto, ma lì nella conca non ho campo. Non prendo in considerazione l'ipotesi di lasciare Nadia per andare a cercare il segnale.

13:09 Ventun minuti.....................
13:10 Ventidue minuti......................

Scavo, scavo e ancora scavo, un po' con le mani un po' con la pala. Adesso un po' di mal di schiena inizia a farsi sentire, ma mi posso anche fermare un attimo a prendere fiato. Raggiungo il primo scarpone e sgancio l'attacco, tiro fuori lo sci. La prima gamba si libera subito, per la seconda dovrò allargare di un bel po' la buca.

13:12 Ventitre minuti.......................
13:13 Ventiquattro minuti........................

Anche con entrambe le gambe libere, Nadia è ancora bloccata da un unico braccio sotto la neve. Devo scavare ancora.
Alla fine esce anche il braccio. E' libera.
Piano piano aiuto Nadia a togliersi lo zaino e a mettersi seduta nella buca.
E' zuppa, sembra stia abbastanza bene, ma comunque non la voglio muovere troppo.
Ha freddo, per fortuna però aveva indosso almeno il pile leggero, i guanti e la calzamaglia sotto i pantaloni. Abbiamo anche il ricambio di vestiario e il telo termico di alluminio, ma non è il momento di cambiarsi, ancora.

13:14 Venticinque minuti.........................

In lontananza sentiamo il rumore dell'elicottero, sta risalendo da sotto lungo il canalone sotto di noi. Lo vedo arrivare, mi alzo, faccio il segno Y con le braccia. Si avvicina, inizia il turbine di neve. Mi accuccio dietro a Nadia e la proteggo con la giacca a vento per ripararla dal vento, e aspettiamo che avvenga l'atterraggio...
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

sergio63 Rispondi citando



Registrato: 28/12/07 01:34
Messaggi: 1308
Luogo di residenza: Bleggio (TN)

MessaggioInviato: Ven Nov 17, 2017 16:40    Oggetto:
 
intanto grazie per averlo scritto (molto bene fra l'altro...ti ho aiutato a montar la sonda e la pala... Laughing ) molto istruttivo...Wink

per me che ho salito più volte quei costoni preoccupandomi solo del pendio che porta in cresta il brivido lungo la schiena è bello lungo...

mi sembra di avertelo già scritto, ma ribadisco il mio bravo per quel che vale/serve...aver sotto la propria metà è un bel sovraccarico emotivo ad una situazione già di per se molto difficile...
Top
Profilo Invia messaggio privato

Leo Rispondi citando



Registrato: 27/01/07 17:31
Messaggi: 5110
Luogo di residenza: Zoldo

MessaggioInviato: Ven Nov 17, 2017 21:51    Oggetto:
 
Grazie della condivisione!!

Avrei voluto scriverlo anch'io quando mi successe, ma non l'ho fatto e ora probabilmente è tardi Rolling Eyes Rolling Eyes

Comunque son cose che si ricordano per sempre

Ciao
_________________
"..... tutta questa ghiaia sparpagliata fin sul baratro estremo di tutti gli appoggi che da l’idea del perenne e inevitabile movimento verso valle al quale non vorresti partecipare.. se possibile! " ...(da "Spiz ® e otoliti" di G.B.)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

red Rispondi citando



Registrato: 11/01/07 17:38
Messaggi: 267
Luogo di residenza: civezzano (TN)

MessaggioInviato: Sab Nov 18, 2017 0:59    Oggetto:
 
mi associo ai ringraziamenti per la condivisione.
e agli utili spunti di riflessione.
ciao e a presto.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

fabbrissimo Rispondi citando



Registrato: 16/04/05 14:55
Messaggi: 1403
Luogo di residenza: bolzano

MessaggioInviato: Sab Nov 18, 2017 5:18    Oggetto:
 
Shocked Shocked

Complimenti mauro,
Hai strutturato perfettam il racconto: mi son venuti i brividi e l'angoscia

Ti ho immaginato bene nei primi minuti scendere a tallone libero con le pelli …sensazioni terribili
qnd ancora nn sapevi come tutto andava a finire

Siete forti!


_________________
Top
Profilo Invia messaggio privato

Ruthi Rispondi citando



Registrato: 02/03/12 10:57
Messaggi: 1437
Luogo di residenza: Terlano BZ

MessaggioInviato: Sab Nov 18, 2017 19:26    Oggetto:
 
grazie mauro & nadia per essere disposti a condividere questa esperienza, questi momenti da vero incubo.
spero di non trovarmici mai, ne sopra ne sotto....

peró devo anche dire/ripetere quanto importante é fare le prove di ricerca, usando tutti gli strumenti compreso pala e sonda, tirarli fuori dallo zaino, prenderli in mano, spalare, sondare magari con uno zaino nascosto sotto la neve e non serve una giornata organizzata da cai/avs o altri, lo possiamo fare anche tra di noi, in compagnia. basta anche solo un ora, é sempre meglio una sola ora di esercizio che non lasciare tutto sempre nello zaino per poi accorgersi di non sapere neanche come cambiare la modalitá dell'arva da "send" in "search"....
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Sab Nov 18, 2017 20:50    Oggetto:
 
Hai ragione Ruth. Allenamento e automatismi non garantiscono la buona riuscita, ma aiutano.

Quando ho iniziato a mettere insieme tutti i pezzi di questa storia per scriverla mi sono reso conto che:
- ci sono un sacco di piccole cose che potrebbero essere fatte meglio, che prese ad una ad una sembrano insignificanti, ma che messe assieme fanno sprecare tanto tempo prezioso
- in ogni caso ci vuole tanto tempo per arrivare alla faccia di una persona, anche se sul campo ti sembra che sia passato un attimo;
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

l'ultima strega Rispondi citando



Registrato: 14/05/09 20:17
Messaggi: 2370
Luogo di residenza: in tutto il mondo

MessaggioInviato: Dom Nov 19, 2017 9:31    Oggetto:
 
Grazie Mauro e un abbraccio forte a Nadia, mi sembrava di essere con te lì, nel pieno del bianco a tentare di pensare...

E' vero che gli automatismi non salvano, ma aiutano; Talvolta mi prendono in giro quando faccio le prove o le propongo, quando metto il fazzoletto al collo prima di una discesa o quando sono all'erta su un pendio, perchè si pensa, sbagliando, che in Appennino le valanghe non possano essere importanti come al Nord. Io ritengo che un fronte è un fronte, e che anche in piano se ti prende e ti impedisce di muoverti riduce di molto le tue aspettative di vita.

Personalmente non so cosa avrei fatto, ma un sincero ringraziamento per aver ricostruito degli attimi e dei momenti che difficilmente dimenticherete, ed il solo pensiero che eravate voi lì mi fa star male, per fortuna ve lo posso scrivere.

Un grandissimo abbraccio
_________________
Torno a casa ma ho già voglia di ripartire. Ho capito qual è il senso di una spedizione.E' salire una montagna andando oltre.E' distaccarsi dalla cima da elenco ... E' vivere l'assenza di radici come un cammino di libertà.... (Silvia M.Buscaini )
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage

Petek Rispondi citando



Registrato: 21/02/14 09:55
Messaggi: 792
Luogo di residenza: Provincia di BL

MessaggioInviato: Dom Nov 19, 2017 12:08    Oggetto:
 
Bravissimi, mettere su carta una situazione simile non deve essere stato facile.
Mi è venuta la pelle d'oca.
_________________
---
La pendenza è la madre di tutti i vizi

il mio blog
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7221
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Lun Nov 20, 2017 17:30    Oggetto:
 
Ciao Mauro!
Ottimo racconto, emotivamente forte ma molto istruttivo.
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

robferri Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 17:52
Messaggi: 1646
Luogo di residenza: Reggio Emilia

MessaggioInviato: Dom Nov 26, 2017 21:37    Oggetto:
 
Mauro,
grazie, grazie, grazie, di aver raccontato la vostra esperienza e di averlo fatto così bene.
Leggendo è stato molto interessante leggere la tua azione, la parte attiva.
A livello emotivo la Nadia.
Un brivido prolungato per tutti e due.
Molto, molto istruttivo.
Un racconto da mettere nei manuali.
Lo farò leggere alla Cami.
_________________
...
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4508
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Mar Nov 28, 2017 12:48    Oggetto:
 
ciao Mauro,

"bellissimo" racconto, anche se sono sicuro avresti preferito non doverlo scrivere. Grazie della condivisione.

Volevo dire una cosa. Nei protocolli di soccorso da valanga, si dice di lasciare il sepolto sotto la neve (dopo aver ovviamente liberato le vie aeree per farlo respirare) per evitare il rischio di ipotermia. Immagino si intenda di liberarlo e creargli una specie di truna intorno. Lei è uscita completamente subito?
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

mauro Rispondi citando



Registrato: 22/12/06 15:20
Messaggi: 1142
Luogo di residenza: trento

MessaggioInviato: Mar Nov 28, 2017 16:45    Oggetto:
 
SimonRussi ha scritto:
Nei protocolli di soccorso da valanga, si dice di lasciare il sepolto sotto la neve (dopo aver ovviamente liberato le vie aeree per farlo respirare) per evitare il rischio di ipotermia. Immagino si intenda di liberarlo e creargli una specie di truna intorno. Lei è uscita completamente subito?

Interessante osservazione, Simon. Onestamente, ignoravo che ci fosse un'indicazione di questo tipo.
Non mi e' nemmeno passata per l'anticamera del cervello la possibilita' di lasciare Nadia 'semisepolta'. Ho lavorato per arrivare a liberarla tutta il piu' presto possibile. Volevo soprattutto arrivare in fretta agli attacchi per liberare le gambe, perche' volevo evitare che magari qualche cambio di posizione del tronco la facesse mettere in una situazione di torsione.
Dopo qualche minuto che era libera si e' cambiata (maglietta, pile) e si e' messa la giacca a vento. Inoltre l'ho coperta con il telo termico in alluminio. In effetti quando e' arrivata al pronto soccorso (quindi un paio d'ore dopo la valanga) un po' di ipotermia ce l'aveva (viaggiava sui 33 e qualcosa di temperatura)
_________________
In montagna sembra un uomo che cammina, in piano sembra un cavallo al trotto, in discesa è più veloce di un uccello in volo
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4508
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Mar Nov 28, 2017 17:49    Oggetto:
 
mauro ha scritto:
SimonRussi ha scritto:
Nei protocolli di soccorso da valanga, si dice di lasciare il sepolto sotto la neve (dopo aver ovviamente liberato le vie aeree per farlo respirare) per evitare il rischio di ipotermia. Immagino si intenda di liberarlo e creargli una specie di truna intorno. Lei è uscita completamente subito?

Interessante osservazione, Simon. Onestamente, ignoravo che ci fosse un'indicazione di questo tipo.
Non mi e' nemmeno passata per l'anticamera del cervello la possibilita' di lasciare Nadia 'semisepolta'. Ho lavorato per arrivare a liberarla tutta il piu' presto possibile. Volevo soprattutto arrivare in fretta agli attacchi per liberare le gambe, perche' volevo evitare che magari qualche cambio di posizione del tronco la facesse mettere in una situazione di torsione.
Dopo qualche minuto che era libera si e' cambiata (maglietta, pile) e si e' messa la giacca a vento. Inoltre l'ho coperta con il telo termico in alluminio. In effetti quando e' arrivata al pronto soccorso (quindi un paio d'ore dopo la valanga) un po' di ipotermia ce l'aveva (viaggiava sui 33 e qualcosa di temperatura)


http://www.cnsasa.it/home/news.asp?ua=444

se ne parla da pagina 28.
La buca scavata resta il luogo relativamente meno esposto ad un rapido raffreddamento; la vittima deve quindi essere assistita senza essere estratta completamente in superficie.

Comunque ne so poco quindi preferisco lasciare l'interpretazione di queste istruzioni a chi ne sa di più.
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

paoloche Rispondi citando



Registrato: 09/03/06 11:17
Messaggi: 469
Luogo di residenza: Padova

MessaggioInviato: Mar Nov 28, 2017 21:12    Oggetto:
 
Grazie Mauro.
Esperienza diversa dalla mia (piu' volte citata): cadere e' un attimo e
se perdi coscienza non sai nulla di quel che ti sta succedendo,
risvegliarsi e' gia'una gioia e sentire che si muove tutto ancor di piu'.

Non credo sarei riuscito ad avere la tua calma e indubbiamente
mantenerla vuol dire tutto. Credo che fare delle prove sia necessario,
anche se non sufficiente. Io le ho fatte solo sul simulatore che c'era
al Col Margherita. Ma li' le impronte, anche se non vuoi ti aiutano.

Grazie comunque per come hai descritto quel che vi e' successo.


P.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Meteo e ambiente
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb