FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Autunno in Cimadasta (astenersi connessioni lente)

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Montagna oltre lo scialpinismo

ape277 Rispondi citando



Registrato: 04/09/06 11:38
Messaggi: 523
Luogo di residenza: Marter Valsugana (TN)

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 8:58    Oggetto: Autunno in Cimadasta (astenersi connessioni lente)
 
In spregio di tutte le regole del marketing, ora che tutti
hanno da fare con neve-traccia-polvere, carico questo album
di foto fuori stagione.
Il fatto è che le avevo già quasi pronte a inizio dicembre, poi una
partenza quasi improvvisa mi ha fatto sospendere il lavoro, e sono
riuscito a riprenderlo in mano soltanto adesso.
Attenzione: queste foto descrivono cinque gite alla stessa cima,
con la stessa partenza, con lo stesso arrivo.
Un vero disastro dal punto di vista drammaturgico e adrenalinico:
nessuno sviluppo, nessun crescendo, nessun climax.
Tenere ben presente questo avvertimento.
Nessuno venga poi a dire che non gli era stato detto.

La prima puntata, 13 settembre, nasce da un'idea di Remigio:
andare in cerca del remoto Laghetto dei Lastei del Col del
Vento.

Le prime foto sono riprese dalla Forcella de Meso, che abbiamo
usato per scendere dalla Forcella del Canalon al Lago del Bus:
Cauriol e Latemar [1];
Cima Cece, Vernel e Marmolada [2].
Cardinal, Catinaccio e Alpi Aurine [3];



Fra le pozze e i lastroni sotto il Lago del Bus si può sempre scattare
una miriade di foto, eccone alcuni esempi:



Cauriol [1], Col del Vento dai Lastei del Col del Vento [2]
Cauriol dal Laghetto dei Lastei del Col del Vento [3]
(tutto chiaro, no?); Lago del Bus dalla Forcella del Col del Vento [4].



Sulla via del ritorno: Malga Sorgazza [1], Pizzo e Armentera [2],
Scurelle in festa e Fravort [3].



Seconda puntata, 20 settembre.
Prime luci al bivio Sorgazza - Tolvà [1]; parcheggio al bivio
per la cresta della Campagnassa, alla quale poi rinuncerò [2].
Graduale uscita dalle nebbie [3, 4].



Allineamento Litegosa - Corno Bianco; sullo sfondo le Cime
di Tessa [1]; Tredici Cime [2],
Carè Alto con allineati, sulla destra, Torrione della Corona, Ziolera,
Monte Croce e Cima d'Ambiez [3, vedi anche versione serale piú sotto]



Sulla cresta ovest [1]; pali del rally [2]; primo passaggio in cima
[3] con comparsa della Cimonega [4]



Dal Coldosè fino alle Alpi Aurine, passando per il Larsec [1];
Piz Boè (ma notare anche la stradina del Passo Lusia, il Collalto e
nell'angolino il Grossvenediger) [2]



Posti ai quali raramente si scende: Bus Nero [1],
Prà del Bastian [2], Bivacco Forestale Sordo [3].



Momento di ristoro a Refavaie [1], prima di iniziare il rientro.
Sono le 14.30 quando comincio a salire i tornanti dietro
la chiesetta del Pront [2].



Ultime battute sul sentiero del Col del Vento [1], che lambisce l'omonima
cima [2].



Secondo passaggio sul Cimone, verso le 18. Si alzano le nuvole [1, 2],
e l'ombra del torrione che chiude il Coronon
si alza sui fianchi della Piccola Cimadasta [3]. Ziolera e Monte Croce,
versione serale di una foto vista piú sopra [4].



Discesa per la cresta ovest [1]; la luce della sera da una parte [2]
e dall'altra di Forcella del Canalone [3].



Quattro foto del rifugio



e tre del tramonto; in [1] le sagome piú riconoscibili sono Sasso Rotto -
Sette Selle e, dietro, il Blumone. In [3], la schiena del Cengello e,
dietro, il Fravort.



Per finire, due foto notturne: poesia assicurata con la teleferica
sotto la luna [1]; fontana a Pieve Tesino [2].



Terza puntata, 7 ottobre. Ritorno stavolta dichiaratamente a caccia di
foto panoramiche, per poi fare pratica di incollaggio. Le foto incollate
sono sotto; qui invece quelle tradizionali.

Alberi all'attacco della Campagnassa



Il momento, quasi sempre magico, in cui si sbuca sulla cresta della
Campagnassa (Monte Coston m. 2017, un belvedere che in certe condizioni
di luce regge il confronto con la stessa cima principale):
Fierollo [1], ultimatum per la brina [2], la dorsale boscosa del Monte
Timoncello e, dietro, le tre cime del Coppolo e il Monte Agaro [3]



Il tratto centrale della Cresta della Campagnassa [4];
montagne innevate dalla Taviela all'Ortles [2].


Un piccolo estratto (zoom digitale) della ridda di montagne che si
affacciano verso sud-est: dietro Passo Cereda, si ammassano
Monti del Sole, propaggini della Schiara, Monte Serva, Col Nudo,
fino al Krn - Monte Nero, posto a 160 km di distanza.
Il primato di distanza fra le montagne visibili da Cimadasta in un
balla giornata d'autunno spetta tuttavia all'Alpe di Succiso, 240 km.



Non sempre ci si fa caso, ma da Cimadasta si vede "bene" anche il
Bernina. In questa foto, che pur denuncia tutti i limiti della mia
compatta, si distinguono il Piz Argient e la vedretta di Fellaria che si
arrampica fino alla forcella NE dello Zupò [1]; a dire il vero per capire
meglio mi sono aiutato con quest'altra foto, scattata tre mesi prima
dalla Presanella [2]



Riflesso nel lago [1], poi ancora ameni Lagorai, con la Cima delle Stellune
che sembra quasi temerariamente sfidare il Gran Zebrú [2]; diedro giallo
di Socede [3] e giochi di luce e d'ombra verso il Castel delle Aie [4].



Ritrovamento della bici [1] e foto varie sulla via del ritorno:
Maso Caporale [2] e chiesa di San Sebastiano a Pieve [3].



Quarta puntata, 19 ottobre. Stavolta non ho nessun fine particolare,
solo mi sono affezionato alla gradevole routine: sveglia alle quattro,
fuori senza complimenti nelle brume di fondovalle, poi su, rivincita
sulle brume; prime luci in Val Malene etc. In poche parole:
l'apoteosi della noia!

Primissimi colori in Sorgazza [1]; ecco invece il colorito assunto
dalla Tombola Nera qualche decina di minuti dopo [2]



Acqua! Dietro Croce d'Aune e il Cesen, ecco il riflesso
sull'Adriatico [1]; Lago del Bus [2].



Oggi sembra proprio di respirare la solitudine; forse anche perché è
venerdí, non si vede anima viva all'orizzonte e giurerei che non ce ne
siano in tutto il massiccio. Solo da Internet apprenderò il contrario
http://forum.thetop.it/viewtopic.php?t=1797

Vallone di Cimadasta: anche qui l'autunno va verso la perfezione [1].
Un effetto che prima o poi qualcuno mi dovrà spiegare [2].
Luci fra le foglie nella bassa Val Malene [3] e colori
del Monte Silana [4].



Segue un intermezzo fuori tema in una concessionaria per
vedere di una macchina nuova. Serata ancora fuori tema al
Manghen [1]; anche qui non c'è anima viva tranne un temibile esemplare
di orso dei Lagorai [2]. Sono le situazioni in cui come primo piano
ci si accontenta veramente di quello che capita [3].
Conclusione della giornata fotografica con una classica
luna sopra Campivelo [4].



Ecco poi alcune foto incollate, tutte del 7 ottobre.

Le cime che fanno da corona al lago di Costa Brunella, da poco
sotto il monte Coston:



Un'unica tirata rocciosa dallo Spigolo del Coronon al Col del
Vento, Col della Groppa e Piccola Cimadasta alias Cima dei Diavoli



Non c'è bisogno di dire che il soggetto di questa foto sono le Pale di
San Martino. Poi però guardando meglio emerge (quaerendo invenietis)
tutta una serie di comparse: una scheggia di Cristallo,
una spolverata di Schober, un paio di Cime di Lavaredo, una
Cima Dodici che non è la nostra, un'ala di Civetta, un tetto di
Antelao, un pezzo di Duranno...



Il nodo centrale dal Col Verde, che sarebbe la cimetta al termine della
piccola ferrata di Socede



Aria tersa anche verso Occidente, sempre dal Col Verde



Due foto incollate anche dalla quinta e ultima puntata,
17-18 novembre, già descritta in precedenza
http://forum.thetop.it/viewtopic.php?t=1861.

Tramonto dai tornanti di Spiado, il primo giorno



L'ultima parola al laghetto di Forcella Magna, il quale
sembra dirci che l'argomento "autunno in Cimadasta" per
stavolta è ormai agli sgoccioli. Arrivederci all'anno prossimo.



L'ultima modifica di ape277 il Sab Mar 15, 2008 13:00, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Andrea Rispondi citando



Registrato: 31/03/05 13:08
Messaggi: 1868
Luogo di residenza: Padova

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 9:38    Oggetto:
 
che dire Alberto???

uno spettacolo che mi ha rallegrato l'inizio di giornata, e fatto riemergere la voglia di esplorare quel versante N di cima d'Asta a me rimasto sconosciuto, anche domenica dai Paradisi osservavo come si poteva presentare la salita (invernale) verso il lago del bus....

complimenti, le foto sono bellissime, e direi che i limiti della tua compattina (ma cos'è?) non si vedono poi tanto....



Very Happy Very Happy Very Happy

Andrea
Top
Profilo Invia messaggio privato

Nicola Rispondi citando



Registrato: 13/10/06 10:13
Messaggi: 3120
Luogo di residenza: Schio

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 9:54    Oggetto:
 
Bella idea "Astenersi connessioni lente"! Se ero a casa mi risparmiavo lo stillicidio, qui al lavoro invece ho potuto apprezzare in pieno... Remigio ha avuto solo l'idea o c'era pure lui?
_________________
Il monte è parabola della vita. Il monte innevato è parabola del paradiso.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7224
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 12:47    Oggetto:
 
Ciao Trapper! Wink Wink Wink
Sei davvero un grande!
Ma quando sei in giro così quanti litrozzi di vino
ti porti nello zaino? Laughing Laughing Laughing
O i tre litri del Rincher sono stati un'eccezione per la compagnia? Wink Wink Wink
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

@le Rispondi citando



Registrato: 29/03/05 15:51
Messaggi: 3584
Luogo di residenza: padova

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 13:11    Oggetto:
 
hai la grande dote di sorprendere sempre!! bravo!!! Wink Laughing
_________________
La debolezza ha paura di grandi spazi, la stupidità ha paura del silenzio. Aprite gli occhi e le orecchie, chiudete le radioline, niente rumore, niente grida niente clacson. Ascoltate la musica delle montagne!!

Samivel
Top
Profilo Invia messaggio privato

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 17:49    Oggetto:
 
tu mai cose semplici, eh... Wink Very Happy
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Nicola Rispondi citando



Registrato: 13/10/06 10:13
Messaggi: 3120
Luogo di residenza: Schio

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 18:17    Oggetto: Re: Autunno in Cimadasta (astenersi connessioni lente)
 
ape277 ha scritto:
Un effetto che prima o poi qualcuno mi dovrà spiegare


Ci sarà qualche fisico tra gli Esimi del forum che un'idea ce l'ha...
_________________
Il monte è parabola della vita. Il monte innevato è parabola del paradiso.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

LucaGPS Rispondi citando



Registrato: 18/12/06 01:01
Messaggi: 6436
Luogo di residenza: Arco

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 22:09    Oggetto:
 
Che Viaggio Autunnale.
Andrebbe messo in bel evidenza nell'elenco dei Topic del Secolo Wink
Cool Cool Cool Cool
Comunque lo aggiungo alla Lista.
Ciao Trapper.
_________________
C’era un tizio racconta l’autista, che saliva con lo zaino, sci e scarponi, sorriso dolce sul viso bianco di crema solare..non l’ho più visto, forse si è stancato ed è andato altrove. Stancato? Guardo verso le montagne che scintillano più del solito.
Top
Profilo Invia messaggio privato

fabbrissimo Rispondi citando



Registrato: 16/04/05 14:55
Messaggi: 1407
Luogo di residenza: bolzano

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 22:14    Oggetto:
 
Shocked Shocked Shocked

PROROMPENTE !!!

ben fatto anche il testo descrittivo

ciaoo

-,,,
Top
Profilo Invia messaggio privato

Leo Rispondi citando



Registrato: 27/01/07 17:31
Messaggi: 5116
Luogo di residenza: Zoldo

MessaggioInviato: Mer Gen 23, 2008 23:17    Oggetto:
 
Non è l'Atlante.....ma è quasi più bello!!! Complimenti!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

ape277 Rispondi citando



Registrato: 04/09/06 11:38
Messaggi: 523
Luogo di residenza: Marter Valsugana (TN)

MessaggioInviato: Sab Gen 26, 2008 12:46    Oggetto:
 
come va la vita nel salotto delle connessioni leste?
vedo delle domande, cercherò di rispondere
non senza abbondante iniezione di ritorni a capo

andrea ha scritto:
uno spettacolo che mi ha rallegrato l'inizio di giornata, e fatto riemergere la voglia di esplorare quel versante N di cima d'Asta a me rimasto sconosciuto...

per la versione invernale ricordo un mitico articolo di Toni Marchesini
lo vidi alla SAT di Pergine $n!$ anni fa, credo si trattasse de Le Alpi Venete
comunque fa piacere anche all'uomo della strada se può contribuire alla conoscenza dei luoghi
peccato che ho imparato solo di recente a caricare foto senza sentirmi come uno scialpinista in una mughera

andrea ha scritto:
la tua compattina (ma cos'è?)

Si chiama Canon Powershot G7
mi sono semplicemente fidato delle ultime righe di questo topic
http://forum.thetop.it/viewtopic.php?t=1265
usava un presente indicativo piuttosto convincente

Nicola ha scritto:
Bella idea "Astenersi connessioni lente"!

era anche un po' perfida - vediamo un po' queste facciotte - funziona? Twisted Evil pare di sì
dicevo: era perfida perché l'effetto non era scontato
o il consiglio veniva seguito e nessuno ci metteva il naso
oppure qualche malcapitato cedeva alla curiosità per il proibito
vedo che è prevalsa la prudenza

Nicola ha scritto:
Remigio ha avuto solo l'idea o c'era pure lui?

certo che c'era, e con l'aria trasfigurata del neopensionato (da appena dodici giorni)
basta la parola o servono le prove?

Valentino_52 ha scritto:

Ma quando sei in giro così quanti litrozzi di vino
ti porti nello zaino? Laughing Laughing Laughing

conosco poco l'etica dei forum perché frequento unicamente questo
... ci si può avvalere della facoltà di non rispondere???
perché poi anche tu... sullo Stivo ad esempio... nella foto non si vede lo zaino
magari, che so, c'era qualcosa da nascondere...

Nicola ha scritto:
Ci sarà qualche fisico tra gli Esimi del forum che un'idea ce l'ha...

aspettiamo fiduciosi il verdetto
staranno facendo complesse simulazioni di laboratorio

Leo ha scritto:
Non è l'Atlante.....ma è quasi più bello!!!

in Marocco il ruolo delle montagne è diverso; qui sono tutte protagoniste: curate, cesellate, quando non truccate
lì sono solo un fondale, come quei cartoni spesso un po' rozzi di teatro
fanno massa, fanno scena, servono per incastonare gole, per sporgere linee innevate sopra i deserti
ma poi avvicinandole o calpestandole vedi che sono ben spennacchiate rispetto alle nostre

nel ritorno sopra Marsiglia si sono viste in un unico colpo d'occhio le Alpi dalle Marittime fin oltre il Cervino
il Monte Bianco nel suo cantuccio aveva una grandezza surreale
aveva anche attorno una nuvoletta di tempesta
sembrava fatta apposta per immaginarci dentro tutti gli dèi con i loro coppieri e sottosegretari
lí ho pensato: in quanto a montagne qui è tutta un'altra cosa
se fosse solo per quello, non credo che dovremmo mai levarci in volo da dove stiamo
ma (fortunatamente?) non c'è solo quello...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

giovannibusato Rispondi citando



Registrato: 09/03/06 16:03
Messaggi: 2157
Luogo di residenza: Paesello

MessaggioInviato: Sab Gen 26, 2008 18:00    Oggetto:
 
Ape, amico mio, hai fatto un lavoro incredibile..
dalla prossima primavera dovrai organizzare
oiù d'una gita su queste montagne...
non è neanche una richiesta;
veniamo proprio a prenderti a casa di peso!!!!
_________________
giovanni
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Montagna oltre lo scialpinismo
Pagina 1 di 1

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb