FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Portule e dintorni
Vai a 1, 2  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Reportage fotografici

ape277 Rispondi citando



Registrato: 04/09/06 11:38
Messaggi: 523
Luogo di residenza: Marter Valsugana (TN)

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 16:20    Oggetto: Portule e dintorni
 
Era tutto l'inverno che con Remigio parlavamo di questa idea, che in realtà  aveva diversi precedenti:

http://www.thetop.it/index.php?page=view_abs&n_abs=1908&visto=yes
http://forum.thetop.it/viewtopic.php?t=3464
http://www.thetop.it/index.php?page=view_abs&n_abs=8676&visto=yes

Poi però per un motivo o per l'altro abbiamo lasciato sfilare i giorni, fino a questo 25 aprile che sembrava un'ultima spiaggia... e proprio quel giorno Remigio era occupato! Perso uno, tuttavia, ne sono spuntati ben cinque: Max, Michelone, Loris, Giuliano e Valentino.

Le mappe della giornata: quella dell'anello ciclistico, 165 km per 3450 metri [1], e quella del percorso scialpinistico: stando al GPS dei Geometri, 12 km per 1750 metri [2]. (In giallo nella prima carta è segnato l'accesso al Portule dal bivio Galmarara, secondo quella che era l'idea originale).



Io parto da Marter ancor prima delle 3.30, perché mi aspetta la rampa del Menador; anche se due giorni prima l'ho salita per la centesima volta, questa centunesima in piena notte e con gli sci sulla bici ha un sapore affatto speciale!

Arrivo in ritardo alla partenza, nella zona delle malghe [1,2]; i compagni sono già in moto e già il sole ha toccato la Vigolana [3].



Versante ovest del Portule [1] e versante nord, visto dalla cresta ovest ancora in ombra [2].



In cima ci si ritrova tutti, in un mare di luce. Ecco, dietro le caratteristiche gobbe della Caldiera, le tre cime del Coppolo e le tre della Cimonega [1]; oppure le gobbe di Selletta Mecenseffy chiuse dal Corno di Campo Verde, con dietro la piana di Marcesina chiusa dal Lisser e, all'orizzonte, il Cesen e la dorsale Fontana Secca - Valderoa [2]. Una visione d'insieme [3].



Ci si appresta a partire [1], siamo attesi dalla rampa ghiacciata di Porta Trentina [2], prima di arrivare alla più rilassante Pausa del Kempel: sullo sfondo la Val di Sella, la dorsale dell'Armentera e i Lagorai dal Fravort alla Ziolera [3]. In questo dettaglio di Fravort e Gronlait, notare la perfetta concordanza d'esposizione di tutti i grandi «strappi» da valanga [4].



Poco sotto di noi i Cornetti della Lanzola [1] con la forcelletta q. 1813 che permette il passaggio Kempel - Lanzoletta a mezza altezza. Perlustrato per informazione il passaggino [2] decidiamo però di andare fino in fondo. Dopo aver levato gli sci su un paio di passaggi in secca, arriviamo alla Lanzola [3] dove, per la cronaca, io mi trovo a 6 km in linea d'aria da casa.



Poco fuori dal margine sinistro dell'inquadratura precedente si diparte una stradina la quale, con traverso ascendente, adduce al ripiano che dà inizio
all'aperto Vallone della Lanzoletta, detto anche Val Rensola [1]. Intorno a quota 1600 vediamo sbucare anche il valloncello che scende dalla forcella q. 1813 [2].



Ecco in azione i «disiecta membra» della combriccola [1]; siamo degli anarchici per vocazione ed ognuno cerca la propria linea di salita. Sopra, invece, la forcella sembra aver cicatrizzato tutte le vecchie tracce [2].



Appare grandioso da qui il versante W del Portule [1]; dal lato veneto stanno salendo in tanti come mostra questa inquadratura che mi ricorda le formiche di Fabio Vettori [2].



Ecco invece un'inquadratura che restituisce alle formiche la loro giusta dimensione [1]. Ne segue una dedicata alle cornici di Cima Gomion [2]. Questa cima era denominata Monte Trentin o Alpin su vecchie carte Kompass e prudentemente lasciata senza nome sulla mappa edita dalla SAT di Borgo.
Un'altra immagine [3] è dedicata agli spalti sui quali corre il Trozzo del Viazzo, il percorso forse più selvaggio di Cima Dodici, che taglia tutto il versante nord della catena poco sotto i duemila metri.
Nella foto se ne indovina qualche tratto.



Una bella meringa [1], il ritorno alla croce di vetta [2], Cima Gomion e Cima Dodici [3] e infine il lancio dalla cornice [4], con Borgo e Telve direttamente sullo sfondo.



La discesa è su «firnone» [1] per arrivare alle malghe [2] e al rituale spogliarello di fine gita [3].



Qui ci dividiamo; gli amici gentilmente si accollano la mia attrezzatura e quindi posso continuare l'anello scendendo verso il Ghertele [1] e verso Asiago, dove è d'uopo prima carburare [2] e poi godersi da lunghi traversi panoramici l'esplosione della primavera [3].



A Foza imbocco la splendida ex-militare che con ingegnosi tornanti plana sulla Valsugana [1-3].



A Valstagna incontro «la Brenta» [1] che poi abbandono per salire a Incino e al lago del Corlo, qui sullo sfondo delle Vette Feltrine [2].



Ad Arsiè attacco la salita per Cima Campo, che non percorrevo da dieci anni. Fu in occasione di una tappa del Giro, Cima Campo - Manghen - Pampeago. Giusto quella precedente la giornata «fatidica» di Madonna di Campiglio. La salita è tranquilla e conduce per paesini defilati e semideserti come Mellame, Rivai [1-2] e Col Perer.



Sopra i 1200 esco ai balconi prativi che fanno l'incanto di queste zone prealpine; qui [1] vediamo sullo sfondo Tomatico, Peurna e Valderoa. Ben presto la strada spiana a Celado di Arsiè [2,3], con vista sulla Vallazza [4].



A Cima Campo (1511) trovo la neve e l'atmosfera straniata di un luogo in temporaneo abbandono, fra spartineve parcheggiati in rappresentanza della stagione conclusa [1] e crocus che occhieggiano per conto di quella subentrante [2].



In breve mi trovo a Celado di Tesino [1]; più sotto, Castel Tesino si annuncia nel tramonto con una piccola chiesetta [2]. Resta la planata sulla Valsugana, che mi riporta sotto le cime e i valloni della mattinata [3] prima che, dopo oltre 17 ore di affacendamento, l'anello si chiuda.


_________________
Laga ìa con chel libre di mostàz!!


L'ultima modifica di ape277 il Mer Apr 29, 2009 9:24, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4511
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 16:31    Oggetto:
 
che tu sia del genere Homo è abbastanza evidente, ma per l'esattezza, di che specie sei?
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

enrico r. Rispondi citando



Registrato: 06/04/05 15:03
Messaggi: 2602
Luogo di residenza: Padova

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 17:09    Oggetto:
 
SimonRussi ha scritto:
che tu sia del genere Homo è abbastanza evidente, ma per l'esattezza, di che specie sei?

E' una variante non ancora studiata. Prima di mettercisi, vorrebbero capire se ne esistono altri esemplari oppure se, come sembra, è unico. Nella seconda, dicono che non ne vale la pena. Rolling Eyes
_________________
enrico r.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

ste Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 16:05
Messaggi: 6222
Luogo di residenza: Portus Naonis

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 17:10    Oggetto:
 
perché, Sapiens non va bene Question
_________________
.
> Far from the Madding Crowd
.
♡ So many mountains, so little time...
.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7225
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 17:11    Oggetto:
 
Mi sento onorato di aver condiviso una pur minima parte della tua sontuosa giornata. Wink
Grandioso! Shocked Shocked
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

Max Rispondi citando



Registrato: 07/04/05 08:11
Messaggi: 460
Luogo di residenza: Santa Caterina - Perzen (TN)

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 18:17    Oggetto:
 
... e pensare che credevo di aver fatto un "gitone" e invece scopro che era solo un piccolo tassello di un GRANDE VIAGGIO!!! Shocked Shocked Laughing Wink

E' bello leggerti e vedere le tue foto ma, ancor di più, aver condiviso una parte di questa grande avventura!

Che tipo di Homo? Tra gli altri direi sicuramente "Homo Instancabilus" Mr. Green Mr. Green Mr. Green

ciao Max
_________________
Io conosco le regole, sono le regole che non conoscono me ("Alexander Supertramp")
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7225
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 18:19    Oggetto: Portule e dintorni
 
Integrare quanto pubblicato da Alberto è assai arduo, ma qualche fotina mi sento comunque
di metterla.

1.- 2.- 3.- 4.-

5.- 6.- 7.-

1.- Ultimi metri alla sommità del Portule dalla cresta Ovest.

2.- L’arrivo del mitico Ape, fresco come una rosa. Sono le 8.00 ed è in “movimento” dalle 3.15, ma fin qui si è solo riscaldato. Wink Wink

3.- Porta Trentina. Max va in avanscoperta, mentre io penso seriamente di cambiare compagnia Evil or Very Mad Laughing

4.- Giuliano, sull’orlo della “voragine”, rimpiange di non avermi ascoltato in cima al Portule dove non c’era anima viva, non soffiava un alito di vento, c’era un bel sole caldo e dove ad alta voce ho pensato -“potrei aspettarvi qui”…….come parlare al vento Evil or Very Mad

5.- Michelone attende disciplinato il suo turno poi, a chiappe strette, è toccato a me

6.- L’uscita dal canalone, dove tutto si allarga, comprese le chiappe Very Happy Very Happy

7.- Porta Renzola, l’uscita dal bel Vallone della Lanzoletta.
Questo sì, sarebbe stato godurioso in discesa!

Grazie ai miei odiati-amati compagni di gita che non so per quanto ancora, mi sopporteranno, Laughing Laughing
e un grazie speciale a Sara (la compagna di Max) per l’OTTimo pranzo che ci ha fatto gustare sul terrazzo di casa con vista lago.
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

LucaGPS Rispondi citando



Registrato: 18/12/06 01:01
Messaggi: 6436
Luogo di residenza: Arco

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 18:59    Oggetto: Re: Portule e dintorni
 
ape277 ha scritto:
quella dell'anello ciclistico, 165 km per 3450 metri..

Bella Idea.
Potrei provare a copiare la prima parte in BDC, quest'estate. Wink
Anche senza la salita a Malga Larici, dovrebbe venir fuori un bel giro.
Cool Cool Cool
Ciao Mitico.
Magari ci si vede. Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
_________________
C’era un tizio racconta l’autista, che saliva con lo zaino, sci e scarponi, sorriso dolce sul viso bianco di crema solare..non l’ho più visto, forse si è stancato ed è andato altrove. Stancato? Guardo verso le montagne che scintillano più del solito.
Top
Profilo Invia messaggio privato

renrav Rispondi citando



Registrato: 23/01/09 23:28
Messaggi: 2785
Luogo di residenza: TN

MessaggioInviato: Lun Apr 27, 2009 20:54    Oggetto:
 
Che compagnia ragazzi, bravi. I canaloni nn si misurano più i 40-45-50-55°, ma in stretta di chiappe Mr. Green
_________________
non esiste notte tanto lunga che impedisca al sole di sorgere
Top
Profilo Invia messaggio privato

Loris Rispondi citando



Registrato: 07/01/07 17:43
Messaggi: 1481
Luogo di residenza: Bolzano

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 7:14    Oggetto:
 
Un vero viaggio attraverso luoghi e stagioni, è stato un piacere accompagnarti in una sua piccola parte.
Un grazie a chi ha proposto la gita, e a chi ci ha ristorati e sopportati nel dopo gita Wink
_________________
Non ci sei mai arrivato veramente, se non ci sei andato a piedi.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage MSN

giovannibusato Rispondi citando



Registrato: 09/03/06 16:03
Messaggi: 2157
Luogo di residenza: Paesello

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 8:17    Oggetto:
 
a proposito di concatenamenti....
grande APE, grande cuore (e non solo per pompare fuori stò giro infinito)
_________________
giovanni
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

Michelone Rispondi citando



Registrato: 22/05/06 13:48
Messaggi: 422
Luogo di residenza: Montevaccino TN

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 8:21    Oggetto:
 
Max ha scritto:

Che tipo di Homo? Tra gli altri direi sicuramente "Homo Instancabilus" Mr. Green Mr. Green Mr. Green

Laughing



il mitico veramente instancabile Shocked Shocked

Valentino_52 ha scritto:

5.- Michelone attende disciplinato il suo turno poi, a chiappe strette, è toccato a me
6.- L’uscita dal canalone, dove tutto si allarga, comprese le chiappe Very Happy Very Happy

Mr. Green Mr. Green Mr. Green Mr. Green

i due momenti:

a chiappe strette...


a chiappe larghe...

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

ape277 Rispondi citando



Registrato: 04/09/06 11:38
Messaggi: 523
Luogo di residenza: Marter Valsugana (TN)

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 13:47    Oggetto:
 
renrav ha scritto:
Che compagnia ragazzi, bravi. I canaloni nn si misurano più i 40-45-50-55°, ma in stretta di chiappe Mr. Green

Bisognerà che ci mettiamo un team di matematici a scoprire la relazione che intercorre fra gradi ordinari, gradi Cyrill e stretta di chiappe.

ste ha scritto:
perché, Sapiens non va bene Question

Ho letto giusto adesso della tua disavventura...
Invece che disperare, cerca di fare come Denise Karbon quando vinse a Ofterschwang con la mano fasciata, e il bastoncino attaccato con lo scotch...

Valentino_52 ha scritto:

Giuliano, sull’orlo della “voragine”

L'hai proprio adottata questa della voragine! Smile
Via, ora che siamo compagni di voragini (oltre che di merende) possiamo tornarci quando vogliamo...
Un'idea: Idea prima si fa il giro in senso orario come dici tu (giù dalla Lanzoletta); poi ci si gira e lo si rifà in senso orario...
Così non si fa torto a nessun vallone.
_________________
Laga ìa con chel libre di mostàz!!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Nicola Rispondi citando



Registrato: 13/10/06 10:13
Messaggi: 3120
Luogo di residenza: Schio

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 14:15    Oggetto:
 
ape277 ha scritto:
Ho letto giusto adesso della tua disavventura...
Invece che disperare, cerca di fare come Denise Karbon quando vinse a Ofterschwang con la mano fasciata, e il bastoncino attaccato con lo scotch..


Prova anche a fare pipì con questo sistema!! Laughing Laughing Laughing
_________________
Il monte è parabola della vita. Il monte innevato è parabola del paradiso.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7225
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Mar Apr 28, 2009 15:18    Oggetto:
 
ape277 ha scritto:

..................
Via, ora che siamo compagni di voragini (oltre che di merende) possiamo tornarci quando vogliamo...
Un'idea: Idea prima si fa il giro in senso orario come dici tu (giù dalla Lanzoletta); poi ci si gira e lo si rifà in senso anti-orario...
Così non si fa torto a nessun vallone.

Laughing Laughing Laughing Laughing
Siccome in senso anti-orario mi basta e avanza averlo fatto una volta, Wink
facciamo così: lo facciamo in senso orario, poi tu fatti tutti i giri che vuoi mentre io ti aspetto in cima (sempre che sia una bella giornata) Wink Wink Laughing Laughing
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Reportage fotografici
Vai a 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb