FAQHome    FAQFAQ    CercaCerca    Lista utentiLista utenti    GruppiGruppi    AlbumAlbum    FAQPrivacy Over The Top 
  ProfiloProfilo    Messaggi privatiMessaggi privati    Log inLog in 
 
Kammerlander: sì al brevetto per gli scialpinisti
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Speaker's corner

Valentino_52 Rispondi citando



Registrato: 21/02/06 09:49
Messaggi: 7270
Luogo di residenza: TRENTO

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 17:22    Oggetto:
 
Z ha scritto:
............. Vuoi una proposta ragionevole? che il suo costo (e quello di pala e sonda e airbag), nonchè quello dell'assicurazione entrino tra gli oneri deducibili.


Ti quoto, ma è utopia Wink
_________________
"Le azioni più straordinarie sono quelle semplici e spontanee" (Grizzly 1-5-2010)
Top
Profilo Invia messaggio privato

agh Rispondi citando



Registrato: 27/01/09 16:09
Messaggi: 1029
Luogo di residenza: Piné

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 17:24    Oggetto:
 
Marco71 ha scritto:
L'obbligo di possesso dell'arva non è necessariamente una cretinata. Riduce il rischio per i soccorritori


d'accordo, ma non è questo l'intento di chi propone obblighi simili, e lo sai bene
_________________
Escursionismo in Trentino
www.girovagandoinmontagna.it
www.girovagandoblog.it
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN

Z Rispondi citando



Registrato: 27/03/06 18:32
Messaggi: 859

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 17:30    Oggetto:
 
secondo me non è utopia Valentino. Basterebbe forse trovare un parlamentare scialpinista che lo proponesse. Certe volte puttanate come questa basta poco per averle, a volte basta chiederle. Oggi come oggi ti passano il veterinario, le attività sportive dei figli Rolling Eyes , i frigoriferi e i congelatori, l'affitto dell'universitario fuori sede e una marea di altre cose.
Top
Profilo Invia messaggio privato

Marco71 Rispondi citando



Registrato: 22/01/06 21:57
Messaggi: 336
Luogo di residenza: Bassano

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 17:31    Oggetto:
 
agh ha scritto:
Marco71 ha scritto:
L'obbligo di possesso dell'arva non è necessariamente una cretinata. Riduce il rischio per i soccorritori


d'accordo, ma non è questo l'intento di chi propone obblighi simili, e lo sai bene


Invece mi è sembrato che fosse proprio questo l'intento dei due intervistati nell'articolo che hai riportato.

Se parli di politici et similia, temo non abbiano nessun intento, a parte cavalcare l'onda per comparire sui giornali in ogni occasione... tutte chiacchere utili per le prossime elezioni.
_________________
È meglio andare a sciare e pensare a Dio
che andare in chiesa e pensare allo sci.
(Fridtjof Nansen)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage

LucaGPS Rispondi citando



Registrato: 18/12/06 01:01
Messaggi: 6437
Luogo di residenza: Arco

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 17:33    Oggetto:
 
agh ha scritto:
Marco71 ha scritto:
L'obbligo di possesso dell'arva non è necessariamente una cretinata. Riduce il rischio per i soccorritori


d'accordo, ma non è questo l'intento di chi propone obblighi simili, e lo sai bene

AGH comprati sto @zzo di ARVA e sbattitene i cossiddetti se ci obbligheranno ad averlo.
A me non me ne Fotte un Cavolo se mi obbligano a comperarlo.

C'è l'ho e lo metto sempre..

Eccheccazzo.

Tra il resto ho rotto la rotellina del vecchio Fitre.
Funziona ancora, ma non è ben chiaro se accidentalmente possa ruotare e portarsi in posizione di ricerca.
Naturalmente il giorno dopo ho comprato subito un Barryvox Pulse della MAMMUT a 319 €
Penso che la Vita valga molto di Più....

Insomma si può parlare per ore, ma alla fine un paio di pizze in meno e qualche piccola rinuncia sull'abbigliamento alla moda e l'ARVA è belle che comprato.
Idea Idea Idea Idea
_________________
C’era un tizio racconta l’autista, che saliva con lo zaino, sci e scarponi, sorriso dolce sul viso bianco di crema solare..non l’ho più visto, forse si è stancato ed è andato altrove. Stancato? Guardo verso le montagne che scintillano più del solito.
Top
Profilo Invia messaggio privato

sergio63 Rispondi citando



Registrato: 28/12/07 01:34
Messaggi: 1346
Luogo di residenza: Bleggio (TN)

MessaggioInviato: Mer Mar 03, 2010 22:13    Oggetto:
 
LucaGPS ha scritto:
agh ha scritto:
Marco71 ha scritto:
L'obbligo di possesso dell'arva non è necessariamente una cretinata. Riduce il rischio per i soccorritori


d'accordo, ma non è questo l'intento di chi propone obblighi simili, e lo sai bene

AGH comprati sto @zzo di ARVA e sbattitene i cossiddetti se ci obbligheranno ad averlo.
A me non me ne Fotte un Cavolo se mi obbligano a comperarlo.

C'è l'ho e lo metto sempre..

Eccheccazzo.

Tra il resto ho rotto la rotellina del vecchio Fitre.
Funziona ancora, ma non è ben chiaro se accidentalmente possa ruotare e portarsi in posizione di ricerca.
Naturalmente il giorno dopo ho comprato subito un Barryvox Pulse della MAMMUT a 319 €
Penso che la Vita valga molto di Più....

Insomma si può parlare per ore, ma alla fine un paio di pizze in meno e qualche piccola rinuncia sull'abbigliamento alla moda e l'ARVA è belle che comprato.
Idea Idea Idea Idea


io vado con tre figli per boschi...
in campantic domenica scorsa di ragazzini ce ne erano a decine...
ok li porteremo solo alla partita... Evil or Very Mad

comunque il buon Vidi (soccorso TN) al Tg regionale caldeggiava zaini abs...lo hai?

ps
io di artva (pala e sonda) ne ho due se vado con loro a far qualche cosa di appena lontanamente rischioso li attrezzo...

per Z....

ok all'educazione...qualche giornata in campeggi e scuole elementari l'ho anche spesa...

ok che non bisogna criticare gli esperti (almeno in pubblico..ma fra "noi"....)
però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...
Top
Profilo Invia messaggio privato

Michelone Rispondi citando



Registrato: 22/05/06 13:48
Messaggi: 429
Luogo di residenza: Montevaccino TN

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 9:28    Oggetto:
 
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...


quoto
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4517
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 9:56    Oggetto:
 
Michelone ha scritto:
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...


quoto


io non dico più niente... Rolling Eyes
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

cer Rispondi citando



Registrato: 24/02/06 14:52
Messaggi: 909
Luogo di residenza: verona

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 10:09    Oggetto:
 
Michelone ha scritto:
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...


quoto


quoto
riquoto
straquoto
Top
Profilo Invia messaggio privato

cer Rispondi citando



Registrato: 24/02/06 14:52
Messaggi: 909
Luogo di residenza: verona

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 10:24    Oggetto:
 
agh ha scritto:
Marco71 ha scritto:
L'obbligo di possesso dell'arva non è necessariamente una cretinata. Riduce il rischio per i soccorritori


d'accordo, ma non è questo l'intento di chi propone obblighi simili, e lo sai bene


agh............
io non riesco ben a capire perchè tutti i tuoi discorsi portano sempre a quel punto, e cioè:
io l'arva non ce l'ho!
non lo compro!
e penso di essere dalla parte della ragione!

perchè continui con stà menata??
Top
Profilo Invia messaggio privato

agh Rispondi citando



Registrato: 27/01/09 16:09
Messaggi: 1029
Luogo di residenza: Piné

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 10:41    Oggetto:
 
cer ha scritto:
agh............
io non riesco ben a capire perchè tutti i tuoi discorsi portano sempre a quel punto, e cioè:
io l'arva non ce l'ho!
non lo compro! e pernso di essere dalla parte della ragione!
perchè continui con stà menata??


cer non ho mai detto nulla di simile. Non posso pretendere che tu legga con uan certa attenzione quanto scrivo, ma almeno non attribuirmi affermazioni che non ho mai fatto. Grazie.

PS: ho perfino aperto dei post per chiedere lumi per comprarlo! Dai su
_________________
Escursionismo in Trentino
www.girovagandoinmontagna.it
www.girovagandoblog.it
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN

giovannibusato Rispondi citando



Registrato: 09/03/06 16:03
Messaggi: 2160
Luogo di residenza: Paesello

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 10:49    Oggetto:
 
Michelone ha scritto:
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...

quoto


non del tutto!!!
Un corso ha valore se ha dei riscontri sul terreno;
la conoscenza dei vari gradi di pericolo e delle loro specifiche
non ci dice niente sul loro "aspetto"..
Com’è un pendio di grado 3?
che aspetto ha un pendio di grado 4?
Eppure questi pendii hanno spesso un aspetto caratteristico, un colore particolare; per chi ci è rimasto sotto.. pure un odore tutto loro!!
E un corso deve favorire queste esperienze..
ovviamente in sicurezza!!
a Cima Vegaia per esempio si può arrivare alla malga tranquillamente per la strada, si può salire in sicurezza anche fino all'inizio del costone che porta in cresta e da lì, magari col binocolo, si può discutere di ciò che si vede:
"signori.. vi presento un grado 3!!!"
Attribuire ad una situazione rischiosa dei connotati che la rendano riconoscibile è il grande problema non solo dei corsi; la differenza tra la teoria e la pratica; problema che sorge anche per scialpinisti consumati quando arrivi sotto un pendio, magari intonso e ti chiedi: "passo o non passo?"
boh!! quando sei lì libri, serate e corsi e anni di gite sembrano inutili..(non lo sono)
e così fai ricorso al tuo bagaglio di conoscenze, alla tua "esperienza consapevole".. e il cerchio si chiude attorno alla tua Cultura della montagna nella quale trovi gli strumenti per cercare di evitare i pericoli.. come il tuareg che attraversa il deserto vivo senza aver mai letto il manuale delle tempeste!!!!
_________________
giovanni
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

sergio63 Rispondi citando



Registrato: 28/12/07 01:34
Messaggi: 1346
Luogo di residenza: Bleggio (TN)

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 11:24    Oggetto:
 
...
Top
Profilo Invia messaggio privato

SimonRussi Rispondi citando



Registrato: 08/11/06 09:33
Messaggi: 4517
Luogo di residenza: Laives (BZ)

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 11:50    Oggetto:
 
giovannibusato ha scritto:
Michelone ha scritto:
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...

quoto


non del tutto!!!
Un corso ha valore se ha dei riscontri sul terreno;
la conoscenza dei vari gradi di pericolo e delle loro specifiche
non ci dice niente sul loro "aspetto"..
Com’è un pendio di grado 3?
che aspetto ha un pendio di grado 4?
Eppure questi pendii hanno spesso un aspetto caratteristico, un colore particolare; per chi ci è rimasto sotto.. pure un odore tutto loro!!
E un corso deve favorire queste esperienze..
ovviamente in sicurezza!!
a Cima Vegaia per esempio si può arrivare alla malga tranquillamente per la strada, si può salire in sicurezza anche fino all'inizio del costone che porta in cresta e da lì, magari col binocolo, si può discutere di ciò che si vede:
"signori.. vi presento un grado 3!!!"
Attribuire ad una situazione rischiosa dei connotati che la rendano riconoscibile è il grande problema non solo dei corsi; la differenza tra la teoria e la pratica; problema che sorge anche per scialpinisti consumati quando arrivi sotto un pendio, magari intonso e ti chiedi: "passo o non passo?"
boh!! quando sei lì libri, serate e corsi e anni di gite sembrano inutili..(non lo sono)
e così fai ricorso al tuo bagaglio di conoscenze, alla tua "esperienza consapevole".. e il cerchio si chiude attorno alla tua Cultura della montagna nella quale trovi gli strumenti per cercare di evitare i pericoli.. come il tuareg che attraversa il deserto vivo senza aver mai letto il manuale delle tempeste!!!!


quoto tutto, ma hai letto il report di cima Vegaia? Rolling Eyes
_________________
СИМОН РУССИ

"Cosa sa di alpinismo chi sa solo di alpinismo?" C. L. R. James
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail

giovannibusato Rispondi citando



Registrato: 09/03/06 16:03
Messaggi: 2160
Luogo di residenza: Paesello

MessaggioInviato: Gio Mar 04, 2010 12:12    Oggetto:
 
SimonRussi ha scritto:
giovannibusato ha scritto:
Michelone ha scritto:
sergio63 ha scritto:

però...ci sono un paio di relazioni nel db (di corsi cai Evil or Very Mad ) che fanno cascare le braccia e gridano vendetta al cielo...una cima vegaia...un creper vac...fatte da corsi base domenica scorsa....li dovevano solo insegnare a stare a casa o ad andare per malghe...

quoto


non del tutto!!!
Un corso ha valore se ha dei riscontri sul terreno;
la conoscenza dei vari gradi di pericolo e delle loro specifiche
non ci dice niente sul loro "aspetto"..
Com’è un pendio di grado 3?
che aspetto ha un pendio di grado 4?
Eppure questi pendii hanno spesso un aspetto caratteristico, un colore particolare; per chi ci è rimasto sotto.. pure un odore tutto loro!!
E un corso deve favorire queste esperienze..
ovviamente in sicurezza!!
a Cima Vegaia per esempio si può arrivare alla malga tranquillamente per la strada, si può salire in sicurezza anche fino all'inizio del costone che porta in cresta e da lì, magari col binocolo, si può discutere di ciò che si vede:
"signori.. vi presento un grado 3!!!"
Attribuire ad una situazione rischiosa dei connotati che la rendano riconoscibile è il grande problema non solo dei corsi; la differenza tra la teoria e la pratica; problema che sorge anche per scialpinisti consumati quando arrivi sotto un pendio, magari intonso e ti chiedi: "passo o non passo?"
boh!! quando sei lì libri, serate e corsi e anni di gite sembrano inutili..(non lo sono)
e così fai ricorso al tuo bagaglio di conoscenze, alla tua "esperienza consapevole".. e il cerchio si chiude attorno alla tua Cultura della montagna nella quale trovi gli strumenti per cercare di evitare i pericoli.. come il tuareg che attraversa il deserto vivo senza aver mai letto il manuale delle tempeste!!!!


quoto tutto, ma hai letto il report di cima Vegaia? Rolling Eyes


no !
Cima vegaia era solo un esempio preso al volo per esprimere un concetto credo importante per un corretto approccio con i monti!.
Ho anche chiaramente detto che ogni movimento va fatto IN SICUREZZA che non comprende fare i "cunei di slittamento viventi" !!!!
_________________
giovanni


L'ultima modifica di giovannibusato il Gio Mar 04, 2010 12:27, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Speaker's corner
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo
Pagina 3 di 5

Choose Display Order
Mostra prima i messaggi di:   
User Permissions
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

 
Vai a:  
Servizi di Hosting SinerWeb